20 settembre 2021
Aggiornato 06:30
tag innovation school

Tutto ciò che devi sapere se vuoi diventare un programmatore

E' una delle figure più ricercate in questo momento dalle aziende, non solo nel resto del mondo, ma anche in Italia. Ecco alcune cose da sapere se si vuole diventare programmatore

MILANO - Persone di «difficile reperimento». Sono chiamate così dalle aziende quelle figure professionali di cui c’è estremo bisogno, ma che non si trovano sul mercato, e in Italia stiamo parlando di ben 76mila persone, per lo più analisti di procedure informatiche, sviluppatori di software e app e consulenti per la gestione aziendale. Da una parte un Paese con un tasso di disoccupazione pari all’11,7%, dall’altra aziende che vogliono assumere, ma non trovano i candidati. Questo perché anche il mondo del lavoro sta cambiando e secondo il Sistema Excelsior di Unioncamere e ministero del Lavoro, non ci sono competenze e titoli di studio adeguati. Secondo il mensile americano Forbes, la figura del programmatore è la quarta più richiesta negli Stati Uniti e la situazione non cambia in Europa dove ci sono 500mila posizioni aperte nel 2015, destinate ad aumentare esponenzialmente nel 2020, anno per il quale si prevedono dai 730mila ai 1,3 milioni di posti di lavoro vacanti.

Quanto guadagna un programmatore
Nel ridisegnare il proprio futuro diventare programmatore potrebbe essere una soluzione niente male anche perché in un mondo del lavoro che garantisce stipendi sempre più bassi, il programmatore rappresenta una di quelle figure professionali contro corrente. Secondo i dati presentati da Page Personnel nel 2016, infatti, lo stipendio di un programmatore oscilla tra i 20.000 e i 25.000 euro lordi al primo anno, per raggiungere i 35.000 euro già a partire dal terzo anno di seniority, in base alla conoscenza dei diversi linguaggi di programmazione, alla tiplogia di competenze acquisite e alla responsabilità su specifici progetti web.

Quali competenze per diventare programmatore
La strada non è di certo semplice e può presentare diverse complessità, dato che le competenze devono essere sia tecniche che trasversali. Il programmatore è in grado di individuare gli strumenti di sviluppo del software, per creare un prodotto conforme alle specifiche progettuali richieste dal cliente. In particolare, conosce i più diffusi linguaggi di programmazione, le principali regole della programmazione strutturata, le diverse tipologie di applicazioni software e i principali sistemi operativi utilizzati da computer e dispositive mobile. Per diventare programmatore è necessario inoltre possedere adeguate competenze grafiche e tecniche per determinare e verificare il livello di accessibilità e usabilità del software sviluppato in accordo con le esigenze degli utenti. Il programmatore deve anche essere un buon Project Manager: deve quindi possedere un buon livello di inglese, soprattutto tecnico, capacità di analisi e sintesi, attitudine alla precisione e alla comprensione delle esigenze dei clienti e, infine una buona predisposizione per il lavoro di gruppo.

Come diventare programmatore
Personaggi come Mark Zuckerberg stanno facendo la storia del nostro tempo e anche se non sarà semplice ottenere i loro stessi risultati, la cosa più importante è cominciare. La strada da autodidatta è sicuramente una delle opzioni disponibili. Code.org, organizzazione no-profit statunitense che si occupa di promuovere l’insegnamento dei maggiori linguaggi di programmazione, è un ottimo esempio, dato che l’omonimo sito web raccoglie risorse, strumenti, corsi online e tutorial per favorire la diffusione dell’informatica. Chi invece desidera investire nel proprio futuro c’è TAG Innovation School, la Scuola dell’Innovazione di Talent Garden, la più grande comunità fisica in Europa di talenti per il digitale, ha creato CodeMaster, il primo e unico percorso formativo in Italia che in 12 settimane di full immersion e 6 mesi di stage retribuito forma programmatori. La terza edizione di CodeMaster, in partenza il 12 settembre 2016, si focalizzerà sullo sviluppo frontend, tra le competenze più richieste in Italia dalle aziende in ambito digital. Per diventare programmatore ed entrare fin da subito in un team di sviluppo, TAG Innovation School mette a disposizione 4 borse di studio, per le quali è possibile candidarsi fino al 5 luglio 2016, seguendo questo link.