24 ottobre 2020
Aggiornato 20:01
Dopo l'Ipo record

Alibaba diversifica

Il gigante fondato dall'ex insegnante di inglese Jack Ma ha appena messo a segno un doppio colpo in settori - quello bancario e alberghiero - marginali fino ad ora nella galassia del conglomerato.

NEW YORK - Dopo l'Ipo dei record a Wall Street, Alibaba prosegue con la sua strategia di espansione in business diversi dall'e-commerce. Il gigante fondato dall'ex insegnante di inglese Jack Ma ha appena messo a segno un doppio colpo in settori - quello bancario e alberghiero - marginali fino ad ora nella galassia del conglomerato.

BANCA PRIVATA E HOTEL - Da un lato Alibaba ha incassato il via libera delle autorità cinesi per l'istituzione di una banca privata. Sarà controllata al 30% da Zhejiang Ant Small & Micro Financial Services Group, uno dei «bracci finanziari» del gigante e-commerce, già in possesso del servizio di pagamenti Alipay.
Dall'altro il colosso cinese ha incorporato per 458,6 milioni di dollari - circa 2,81 miliardi di yuan - una quota del 15% della Beijing Shiji Information Technology, una società che fornisce software per la prenotazione di camere di hotel a più di 6.000 alberghi in Cina. L'obiettivo è indirizzare i clienti di hotel sui siti nell'orbita di Alibaba, rafforzando il business nel settore viaggi già avviato con la piattaforma Taobao.