16 ottobre 2019
Aggiornato 00:00
Isis

Siria, così a Raqqa i soldati ballano per annunciare l'imminente vittoria sull'Isis

Nell'ormai ex 'capitale' dello Stato Islamico nel Nord della Siria 'non ci sono più combattenti' dell'organizzazione terroristica e l'annuncio della vittoria avverrà prestissimo

RAQQA - Ballano i soldati a Raqqa. Nell'ormai ex "capitale" dello Stato Islamico nel Nord della Siria "non ci sono più combattenti" dell'organizzazione terroristica e l'annuncio della vittoria avverrà "non appena saranno terminati i lavori di bonifica». E' quanto riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani, una Ong con sede a Londra che conta su una vasta rete di attivisti in tutta la Siria. Tra le macerie della città siriana quei pochi dell'Isis che sono ancora rimasti, sono rintanati nei tunnel sotto le case che si trovano tra lo stadio comunale e la sede dell'intelligence dell'aviazione del regime. "Non possono sferrare più attacchi, nemmeno suicidi. Si capisce dagli ultimi movimenti", ha spiegato Roujda Flatt, comandante delle Forze democratiche siriane (Fds). Questa alleanza antijihadista, una coalizione di militanti curdi e arabi sostenuta dagli Usa, sta ripulendo le ultime sacche di resistenza dello Stato islamico a Raqqa. "L'80 per cento della città è stato liberato. Il restante 20 per cento è sotto il tiro delle nostre forze. Questo significa che la vittoria è vicina", ha dichiarato la portavoce del FDS. Manca quindi poco alla liberazione di Raqqa, ma in uno stretto fazzoletto sono ancora nascosti alcuni elementi dell'Isis. I militari procedono verso quella direzione, nel frattempo vanno avanti le operazioni di bonifica e di salvataggio dei pochi civili che non sono ancora fuggiti. "Siamo venuti qui perché abbiamo individuato delle persone grazie a un volo di ricognizione. Sono a circa 70 metri da qui. Li andiamo a liberare dalla presa dell'Isis", ha spiegato un comandante dell'alleanza. Le ultime danze sono solo rimandate di poco.