17 ottobre 2019
Aggiornato 08:00
'Abbiamo sentito degli spari, c'era il panico'

Londra, il racconto dell'attentato dei testimoni

Otto minuti di terrore per l'ennesimo attentato a Londra. I testimoni che si trovavano nella zona di Borough Market hanno raccontato quei terribili momenti vissuti tra incertezza e paur

LONDRA - Otto minuti di terrore per l'ennesimo attentato a Londra. I testimoni che si trovavano nella zona di Borough Market hanno raccontato quei terribili momenti vissuti tra incertezza e paura .«La polizia è entrata armata correndo nel pub, e dopo 20 minuti era finito tutto. Si sono presi cura di noi, c'era tanta gente spaventata, ci siamo guardati intorno e abbiamo visto che c'era una persona che sanguinava, gli abbiamo chiesto che cosa era successo e ha detto che era stata ferita alla guancia, poi è stata portata fuori» racconta il proprietario di un pub. «Stavamo cenando nel ristorante Black and Blue, all'improvviso il cameriere è andato nel panico e ha urlato di chiudere le finestre e poi abbiamo visto tre ragazzi venire verso di noi con fare abbastanza violento e abbiamo capito che dovevamo scappare. Ho iniziato a correre per le scale e mi sono rinchiusa in bagno» racconta questa ragazza. «Abbiamo finito di vedere la finale di Champions e volevamo uscire ma ci siamo accorti che le porte erano chiuse, alcuni dicevano che una persona era stata pugnalata a Borough Market e quindi ci hanno bloccato. Poi hanno aperto le porte e un sacco di gente nel panico è entrata. Siamo andati verso l'uscita posteriore e abbiamo sentito degli spari. Tutti sono rimasti dentro» dice il proprietario di un altro pub.