26 settembre 2022
Aggiornato 23:00
La svolta del Giappone

Nucleare, Il Giappone apre ai reattori di ultima generazione contro la crisi energetica

Il primo ministro Fumio Kishida annuncia piani per guardare alla costruzione di nuovi impianti, in quella che sarebbe una rottura con più di un decennio di politica energetica.

Centrale nucleare
Centrale nucleare Foto: Depositphotos

TOKYO - Il Giappone si accinge a una svolta per l'energia nucleare, con il primo ministro Fumio Kishida che annuncia piani per guardare alla costruzione di nuovi impianti, in quella che sarebbe una rottura con più di un decennio di politica energetica.

Con i prezzi dell'energia in aumento sulla scia dell'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia, Kishida ha affermato che il Giappone riavvierà la chiusura di altre centrali nucleari dopo il disastro di Fukushima del 2011 e studierà anche lo sviluppo di reattori di prossima generazione.

Il primo ministro - spiega il Financial Times - aveva già annunciato il riavvio di alcuni impianti dopo che Tokyo ha rischiato di subire un blackout elettrico quest'anno, ma i suoi piani provvisori per nuovi reattori nucleari sarebbero un'inversione di marcia sulla politica post-Fukushima.

Non sono stati costruiti nuovi impianti dal disastro del 2011, quando il più grande terremoto registrato nella storia giapponese ha portato alla fusione di tre reattori nell'impianto di Fukushima Daiichi.

Il forte aumento dei prezzi globali dell'energia dovuto in gran parte alla guerra in Ucraina ha indotto altri paesi a riconsiderare la politica energetica, in particolare la Germania, che sta ripensando al suo piano, deciso all'indomani di Fukushima, di uscire dall'energia nucleare entro la fine dell'anno.

La politica energetica del Giappone è paralizzata da quando il disastro del 2011 ha provocato la chiusura della maggior parte dei suoi reattori nucleari. Ciò ha costretto la più grande economia avanzata dell'Asia a bruciare ulteriore carbone, gas naturale e olio combustibile anche se si impegna a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050.

Poiché il Giappone importa la maggior parte della sua energia, è stato anche colpito duramente dall'aumento dei prezzi delle materie prime. Il paese fa affidamento sulla Russia per circa il 9% del suo gas naturale liquefatto.

Prima di Fukushima, il Giappone forniva circa un terzo della sua elettricità da 54 reattori nucleari. Ora, solo sei sono operativi con riavvii ostacolati da una serie di incidenti di sicurezza e da una profonda sfiducia pubblica nei confronti di Tokyo Electric Power Co, il proprietario dei tre reattori che si sono fusi a Fukushima.

A luglio, Kishida ha svelato i piani per riavviare la maggior parte dei 10 reattori nucleari che hanno ricevuto l'autorizzazione per evitare una carenza di elettricità nei mesi invernali.