15 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Affonda un gommone, libici salvano 120 migranti. Salvini: «Tanti saluti alle Ong»

Nella notte la polemica tra Open Arms e il governo italiano. Alla fine a intervenire è stata la Guardia costiera libica. E il Viminale "festeggia"

Migranti su un gommone, foto di repertorio
Migranti su un gommone, foto di repertorio (ANSA/ELIO DESIDERIO)

LIBIA - Nella notte la guardia costiera libica ha recuperato un gommone con circa 120 immigrati a bordo, quasi tutti di nazionalità sudanese. «Tanti saluti a scafisti e Ong» il commento del ministro dell'Interno Matteo Salvini, che sottolinea così come stia funzionando il suo "piano" di far in modo che sia la Libia a occuparsi dei soccorsi in mare, e non le Ong. Un modo, questo, per evitare che i miranti vengano poi portati in Italia o in altri porti europei. Le autorità di Malta riferiscono fonti del Viminale, hanno assunto alle 4 di questa mattina il coordinamento di un'operazione di salvataggio al largo della Libia per una imbarcazione partita da Zliten.

La polemica con le Ong
Ieri le imbarcazioni delle Ong, in particolare Open Arms e Sea-Watch, sono tornate a sfidare il Viminale denunciando come «120 persone rischiano di annegare». Il barcone stava imbarcando acqua: «Noi siamo a più di 8 ore di navigazione Chiediamo un intervento immediato» l'appello lanciato da Mediterranea. Risposta negativa. Così alle richieste di aiuto nella notte ha risposto la marina libica, competente nella zona dove si trovava il gommone.

La denuncia del segretario di Sinistra Italiana a bordo di Mediterranea
Il segretario di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, che si trova a bordo della nave Mare Ionio della missione Mediterranea, con una telefonata via satellitare ha lanciato l'allarme ieri parlando anche di persone già annegate, avvertendo la Guardia Costiera italiana e quella libica: quest'ultima competente nella zona di mare in cui si sarebbe verificato il naufragio, non avrebbe risposto all'Sos ma, secondo quanto riferito dal comando italiano, ha inviato una motovedetta. L'allarme è cessato solo a tarda notte con il soccorso libico. E dopo il salvataggio da parte dei libici è arrivato il commento del ministro Salvini: «Tanti saluti a scafisti e Ong».