19 agosto 2018
Aggiornato 23:00

Libia, sale la tensione verso le elezioni. L'Italia nel mirino

Il nuovo ruolo sancito dall'accordo tra Conte e Trump non piace alle autorità dell'Est, capeggiate dal generale Haftar. Sotto accusa l'ambasciatore Perrone
L'incontro tra Salvini e il ministro dell'Interno libico Abdulsalam Ashour Tripoli, 25 giugno 2018
L'incontro tra Salvini e il ministro dell'Interno libico Abdulsalam Ashour Tripoli, 25 giugno 2018 (TWITTER / SALVINI)

Cresce la tensione in Libia riguardo alle elezioni che dovrebbero tenersi entro la fine dell'anno, stando a quanto annunciato dai leader libici lo scorso maggio da Parigi, per riportare stabilità e riconciliazione nel Paese del Nord Africa, spaccato tra il governo di Tripoli, riconosciuto dalla comunità internazionale, e le autorità dell'Est capeggiate dal generale Khalifa Haftar. Di fronte ai mancati progressi delle autorità libiche per garantire «una base costituzionale entro il 16 settembre» alle elezioni da tenere «entro il 10 dicembre», come concordato a Parigi, nel Paese si torna ad agitare il sentimento anti-italiano soprattutto dopo l'accordo sancito alla Casa Bianca tra Donald Trump e Guseppe Conte. Travisando, se non manipolando, le dichiarazioni dell'ambasciatore Giuseppe Perrone rilasciate nei giorni scorsi all'emittente Libya Channel. In una lunga intervista l'ambasciatore ha ribadito la posizione favorevole dell'Italia a tenere le elezioni, ma solo con «le necessarie condizioni», ossia una «solida base costituzionale e appropriate condizioni di sicurezza», in modo che le presidenziali «possano portare riconciliazione e stabilità» e non moltiplicare i governi nel Paese. 

Ambasciatore italiano «persona non grata»
Dichiarazioni che però sono state modificate e montate da alcuni canali in modo da far apparire che Perrone chiedesse «con insistenza il rinvio delle elezioni», come si legge nel documento pubblicato dal Comitato affari esteri del parlamento di Tobruk, in cui si arriva a dichiarare il capo missione italiano «persona non grata».  Il portavoce di Haftar, Ahmed Mismari, ha addirittura chiesto aiuto alla Russia perchè intervenga in Libia per rimuovere «dall'arena libica Turchia, Qatar e in particolare l'Italia», dal momento che se «la Francia vuole tenere le elezioni (entro l'anno), l'Italia si è detta contraria... noi concordiamo con la Francia: vogliamo tenere le elezioni quest'anno».

Il ruolo della Russia 
Fino ad oggi Mosca, attraverso il capo del gruppo di contatto per la Libia, Lev Dengov, ha detto di non voler indicare «tempi precisi» per le elezioni, sottolineando la necessità che «il popolo libico sia pronto al voto» e che «non c'è ancora una Costituzione e non è stato indetto un referendum».

L'accordo di Parigi
La dichiarazione politica letta al vertice di Parigi ma non firmata da Haftar, dal premier del governo di Tripoli, Fayez al Sarraj, dal presidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk, Aquila Saleh, o da quello dell'Alto Consiglio di Stato di Tripoli, Khalid al-Mishri, prevedeva di garantire «una base costituzionale entro il 16 settembre» e di «tenere elezioni parlamentari e presidenziali il 10 dicembre».  Di fatto alla fine di luglio il parlamento di Tobruk non ha votato, dopo due giornate di lavori, la legge necessaria per tenere un referendum sulla bozza di Costituzione approvata nel 2017 dall'assemblea costituente. Il voto è stato rinviato di due settimane. Qualora venisse approvata la legge, si dovrebbe quindi tenere il referendum, dall'esito non scontato, e approvare comunque una legge elettorale.

Cresce il sentimento anti-italiano
In attesa di vedere se l'assemblea di Tobruk riuscirà ad approvare a breve la legge, il portavoce del governo di Sarraj, Mohamed El Sallak, ha sottolineato che il processo politico e la data delle elezioni sono una questione su cui sono chiamati a decidere solo i libici. Rispondendo ieri alla stampa proprio sul dibattito, soprattutto social, sulla posizione italiana, Sallak ha sottolineato che spetta agli esponenti libici che si sono impegnati a Parigi rispettare i propri impegni e decidere i tempi elettorali. Perchè solo «le parti che erano a Parigi hanno gli strumenti e le procedure per attivare l'accordo che porta alle elezioni», ha concluso, citato dal Libya Herald.