Tradizionale parata del 9 maggio

La Russia celebra il Giorno della Vittoria sul nazismo. Putin: «La libertà dell'Europa è stata vinta dai nostri padri»

Il presidente russo Vladimir Putin rivolto ai militari riuniti sulla Piazza rossa per la Parata del 9 maggio, Giorno della Vittoria sulla Germania nazista, ricordando il sacrificio russo per liberare l'Europa dal nazismo

MOSCA - Giusto per ricordare all'Europa che la pace sul continente è stata «vinta» dal sacrificio dell'Unione Sovietica. «Non c'è mai stata e non ci sarà mai una forza che possa schiavizzare il nostro popolo». Così il presidente russo Vladimir Putin rivolto ai militari riuniti sulla Piazza rossa per la Parata del 9 maggio, Giorno della Vittoria sulla Germania nazista, e non solo a loro. «La guerra ha portato via milioni di vite» ha detto Putin. «E noi non dimentichiamo mai che la libertà dell'Europa e la pace tanto attesa in tutto il mondo è stata vinta dai nostri padri, nonni e bisnonni» ha aggiunto.

Il ricordo della guerra
Il discorso di Putin questa volta è stato più descrittivo del solito, non solo per ricordare gli ideali di Mosca, ma anche per richiamare il ricordo degli orrori della guerra, «la più cruenta e sanguinosa guerra». Ha ricordato che nelle fila dell'Urss combattevano «persone di diverse nazionalità» che «hanno fatto tutto quello che potevano», coprendo persino «con il loro corpo i compagni d'armi».

Putin tiene il suo discorso sulla Piazza Rossa in occasione della Parata.
Putin tiene il suo discorso sulla Piazza Rossa in occasione della Parata. (EPA/SERGEI CHIRIKOV)

Consolidamento della comunità internazionale
Poi un tuffo nel presente. «Per essere efficace, la lotta contro il terrorismo, l'estremismo, il neo-nazismo e altre minacce è necessario il consolidamento dell'intera comunità internazionale. Siamo aperti a questa collaborazione. La Russia sarà sempre dalla parte di quelli che scelgono una partenrship allo stesso livello», ha detto Putin alla parata di vittoria a Mosca. Ieri la Russia ha annunciato di aver presentato al Consiglio di sicurezza dell'Onu un progetto di risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per puntellare l'accordo sulla creazione di zone di sicurezza in Siria.

Il presidente russo Vladimir Putin alla Parata.
Il presidente russo Vladimir Putin alla Parata. (EPA/YURY KOCHETKOV)

La parata 2017
Quella che viene descritta sia da Putin che dal commento successivo della Parata sulla Piazza rossa è una macchina da guerra che non uccide, ma che «salva centinaia di vite». Quest'anno la parata è stata aperta dai tamburi della scuola militare musicale di Mosca, che ha preso il nome del generale Valerii Khalilov, direttore artistico delle parate militari e compositore, morto insieme ai componenti del Coro dell'Armata rossa a bordo del Tu-154 del Ministero della Difesa che si è schiantato vicino a Sochi il 25 dicembre scorso. Il volo era diretto in Siria. Khalilov è stato nell'era Putin il direttore artitistico di tutte le parate sulla Piazza rossa.

Marcia slava
La parata si è conclusa con la tradizionale «marcia slava». L'orchestra militare ha lasciato la Piazza Rossa su queste note, segnando così la fine della sfilata militare in onore del 72 ° anniversario della vittoria sulla Germania nazista nella Grande Guerra Patriottica. La parata avuto una dimensione più intima rispetto alle precedenti, senza particolari ospiti internazionali, tranne il presidente della Moldova Igor Dodon. A causa del tempo, l'aviazione russa non è passata sopra la Piazza Rossa, a chiusura della Parata. Anche quest'anno invece hanno sfilato i militari impegnati nel conflitto siriano e le donne soldato (aggiunte alla celebrazione solo lo scorso anno). Putin ha successivamente ringraziato e stretto la mano personalmente a tutti comandanti e si è poi recato a piedi alla Tomba del milite ignoto, parlando con Dodon. Qui ha stretto la mano ai veterani della seconda guerra mondiale.