'Usa valutino oggettivamente situazione'

Russia all'Onu: «Sosteniamo Assad. La propaganda Usa ritarda la pace»

Il rappresentante permanente russo presso l'Onu Vitaly Churkin ha dichiarato l'intenzione della Russia di fornire assistenza alle autorità siriane nella lotta contro il terrorismo

MOSCA - Il rappresentante permanente russo presso l'Onu Vitaly Churkin ha dichiarato l'intenzione della Russia di fornire assistenza alle autorità siriane nella lotta contro il terrorismo e ha esortato gli Stati Uniti a valutare oggettivamente la situazione nel paese del Medio Oriente.

Aiuti al governo siriano
«Noi da parte nostra intendiamo continuare ad aiutare il governo siriano nel suo confronto con i gruppi terroristici guidati dall'Isis e Jabhat al-Nusra. Non vi è alcun dubbio che non ci dovrebbero essere né ritardi, né concessioni in questa lotta», ha detto in una sessione aperta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dedicata al Medio Oriente. Il tutto dopo un nuovo appello da parte di Mosca all'organizzazione sotto l'egida delle Nazioni Unite di un nuovo round di colloqui intrasiriani.

La propaganda Usa
«Ci sono ancora lacune significative in questo, che consentono ai militanti di attraversare i confini e ottenere denaro, armi, risorse e l'accesso ad armi per la guerra chimica», ha detto l'inviato. «Tutto questo deve finire», ha dichiarato. «Gli Stati Uniti, co-presidente del Gruppo di sostegno internazionale alla Siria (ISSG), dovrebbero finalmente eliminare i cliché di propaganda e imparare a valutare oggettivamente la situazione», ha detto Churkin. «Molto dipenderà dalla capacità degli avversari di Damasco di abbandonare il corso distruttivo, che ha fatto ritardare una soluzione pacifica», ha detto.

Cessate il fuoco
Intanto, il regime di cessate il fuoco in Siria è stato generalmente rispettato nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il centro russo per la riconciliazione in Siria, secondo un rapporto pubblicato sul sito web del ministero della Difesa. «Non sono state osservate violazioni del cessate il fuoco nel corso della giornata passata», dice il rapporto. «I negoziati per l'adesione alla cessazione delle ostilità sono continuati con i comandanti dell'opposizione armata nelle province di Aleppo, Daraa e Hama», dice il rapporto. Il numero di unità armate, che hanno dichiarato l'adesione alla cessazione delle ostilità è comunque «invariato: 61», ha dichiarato il ministero russo.

Rapporti Mosca e Ankara
La normalizzazione dei rapporti tra Mosca e Ankara favorirà la ricerca di una soluzione al conflitto siriano. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov da Baku, in Azerbaigian. Il riavvicinamento tra Russia e Turchia «avrà un effetto positivo sulla regione e, auspicabilmente, ci aiuterà a trovare un approccio comune per superare la crisi siriana», ha detto Lavrov in una conferenza stampa con il suo collega azero Elmar Mammadyarov. Il ministro degli Esteri russo ha anche sottolineato che la conversazione «franca», tenuta lo scorso 30 giugno a Sochi con il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu faciliterà un dibattito aperto in merito all'attuazione delle decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il Gruppo di sostegno internazionale per il dialogo Siria. I rapporti tra Mosca e Ankara si sono deteriorati dopo l'abbattimento da parte di un caccia turco il 24 novembre 2015 di un aereo militare russo Su-24, che stava tornando alla sua base, dopo il bombardamento di strutture terroristiche in Siria.

(Fonte Askanews)