21 settembre 2019
Aggiornato 03:00
Il voto può avere effetti destabilizzanti sull'intera Europa

In Olanda si vota sull'accordo Ue-Kiev. Ma è un referendum sull'Europa

Gli olandesi sono chiamati oggi ad esprimersi sull'Accordo di associazione tra Ue e Ucraina firmato nel 2014, consultazione popolare che minaccia una vittoria del 'no' con conseguenze destabilizzanti nei Paesi Bassi e sull'intera Europa

L'AJA - Gli olandesi sono chiamati oggi ad esprimersi sull'Accordo di associazione tra Ue e Ucraina firmato nel 2014, consultazione popolare che minaccia una vittoria del 'no' con conseguenze destabilizzanti nei Paesi Bassi e sull'intera Europa, per non parlare del Paese ex sovietico sempre alle prese con il conflitto con i separatisti del Sud-est e una crisi politica che potrebbe riservare ulteriori scossoni a Kiev.

Opinione pubblica divisa
Secondo gli ultimi sondaggi, l'opinione pubblica è molto divisa sul patto con l'Ucraina, ma c'è un grosso gruppo di indecisi che potrebbe cambiare qualsiasi pronostico. Le percentuali del voto di chi sino a ieri dichiarava di aver deciso in merito al quesito indicavano, secondo l'Istituto Ipsos, promettono un 37% di "no" all'accordo con Kiev e gli indecisi sono fino al 33%. Precedenti rilevamenti davano gli euroscettici, contrari al patto Ue-Ucraina, sino al 47%. Il referendum ha valore puramente consultivo, ma il governo ha fatto sapere che rispetterà l'esito.

Le conseguenze
Al di là delle conseguenze di questo voto sui rapporti tra Unione europea e Ucraina, l'esito non potrà non influenzare l'assetto politico in Olanda e potrebbe avere ripercussioni anche sul referendum di giugno in Gran Bretagna sulla possibilità di abbandonare l'Ue. Il leader della destra populista e xenofoba, Gert Wilders, ha dichiarato di essere convinto che ci sarà «un grandissimo effetto anche sul referendum nel Regno Unito» e ha auspicato un effetto domino in altri Paesi europei. 

(Con fonte Askanews)