8 marzo 2021
Aggiornato 07:30
Dopo l'annuncio della distruzione della rete Haqqani

Pakistan, Attacco suicida vicino al confine afgano

L'attentato potrebbe essere opera dei talebani locali

ISLAMABAD (askanews) - Il ministro degli Esteri del Pakistan aveva annunciato ieri che la rete Haqqani, importante filiale dei talebani, che figura nella lista nera americana delle organizzazioni terroristiche, è stata praticamente sradicata dal Paese grazie all'operazione militare in corso nel nordovest. Oggi, invece, in un attentato sono morti sei uomini e trenta sono stati feriti.

Ieri l'annuncio della distruzione della rete Haqqani
La dichiarazione di Sartaj Aziz arriva all'indomani della visita a Islamabad del consigliere del presidente americano per la sicurezza nazionale, Susan Rice, che secondo diversi organi di informazione ha rimproverato al Pakistan di non impedire gli attacchi commessi nel vicino Afghanistan da combattenti che si sono stabiliti in territorio pachistano. Durante una conferenza stampa con il suo omologo tedesco, Frank-Walter Steinmeier, Aziz ha sostenuto che «l'infrastruttura della rete Haqqani nel Nord Waziristan, comprese le sue fabbriche di ordigni artigianali...era stata distrutta». L'esercito del Pakistan aveva lanciato nel giugno 2014 una vasta operazione nel Nord Waziristan, zone tribale alla frontiera dell'Afghanistan che aveva agito da quartier generale per numerosi gruppi fondamentalisti islamici armati nel corso dell'ultimo decennio, per stanare i talebani e i loro alleati.

Oggi l'attentato kamikaze
Oggi invece è di almeno sei morti e una trentina di feriti il bilancio di un attentato compiuto da un kamikaze che si è fatto esplodere davanti un edificio governativo nelle aree tribali del Pakistan nord-occidentale, al confine con l'Afghanistan, come hanno riferito autorità locali. L'attacco è avvenuto nella città di Jamrud, situata nella regione tribale di Khyber, dove l'esercito pakistano da un anno conduce una operazione di sicurezza contro gruppi islamici armati legati al locale movimento islamista dei talebani, ha detto a France Press Shahab Ali Shah, alto funzionario locale. Sei persone, tra cui quattro membri di una unità di polizia tribale, sono state uccise e altre 31 ferite, alcune gravemente, ha aggiunto il funzionario.

I talebani pakistani mirano a colpire i simboli del paese
L'attacco non è stato rivendicato nell'immediato, ma potrebbe portare il marchio di una delle tante fazioni dei talebani pakistani in guerra con le autorità civili e l'esercito. Nel giugno 2014 le forze governative avevano lanciato una grande operazione contro le roccaforti dei talebani nel Nord Waziristan, regione tribale che da oltre un decennio fa da santuario per molti gruppi jihadisti. Solo ieri il capo della diplomazia del governo di Islamabad, Sartaj Aziz, aveva sostenuto che la rete Haqqani, un importante ramo dei talebani afgani incluso nella lista nera delle organizzazioni terroristiche, era stata quasi completamente debellata nel Paese grazie a questa operazione militare. I talebani afgani stanno concentrando i loro attacchi contro le truppe della Nato e le forze locali in Afghanistan, mentre i talebani pachistani mirano ai simboli del potere nel Paese.