4 aprile 2020
Aggiornato 04:30
La guerra è già costata 7mila morti

Kiev, Negli scontri a fuoco davanti la Rada 1 morto e 122 feriti

Le violenze sono scoppiate dopo il voto dei deputati per concedere più autonomia all'Est prorusso

KIEV (askanews) - Il voto favorevole dei deputati ucraini ad un progetto di legge che concede una maggiore autonomia all'Est ribelle prorusso si è trasformato in violenti scontri davanti al parlamento di Kiev fra poliziotti e manifestanti nazionalisti che si sono conclusi con un bilancio di un morto e di 122 feriti. Il presidente ucraino, Petro Poroshenko, si rivolgerà a breve alla nazione dopo queste violenze che così intense non si vedevano nella capitale ucraina dal movimento di protesta pro-europeo di Maidan, represso nel sangue dal precedente governo filorusso.

90 feriti davanti alla Rada
Almeno 90 membri della Guardia nazionale ucraina sono rimasti feriti in questi scontri con i nazionalisti, appartenenti per lo più al partito di estrema destra Svoboda, ferocemente contrari all'adozione del progetto, secondo il ministro dell'Interno Arsen Avakov. Un agente di 25 anni è deceduto in ospedale sul tavolo operatorio dopo essere stato colpito al petto da un proiettile, sempre secondo il ministro e la portavoce della Guardia nazionale. Quattro persone sono state ferite gravemente «agli occhi, all'addome, al collo e alle gambe», ha inoltre precisato Avakov.

Sarebbero stati i membri di Svoboda a lanciare congegni esplosivi
Il titolare del dicastero dell'Interno ha accusato i membri di Svoboda di aver lanciato «svariati congegni esplosivi» sulle forze dell'ordine. Un ordigno in particolare lanciato dalla folla di centinaia di manifestanti è caduto davanti all'ingresso principale della Rada (parlamento di Kiev), facendo una ventina di feriti, quasi tutti membri delle forze dell'ordine che erano a guardia del parlamento. Il ministero dell'Interno ha affermato che si è trattato di una granata e dichiarato che la persona che l'ha lanciata fa parte di una trentina di individui arrestati dopo gli scontri.

La guerra è costata 7mila morti
Prima dell'esplosione, decine di manifestanti e poliziotti erano venuti alle mani davanti alla Rada. Le violenze sono scoppiate poco dopo l'approvazione in prima lettura da parte dei deputati del progetto di riforma che concede più autonomia all'Est separatista russofono, teatro da oltre un anno di una guerra costata quasi 7.000 morti. Un totale di 265 deputati, contro un minimo richiesto di 226, hanno votato a favore del progetto nel corso di una seduta tesa durante la quale dei parlamentari contrari alla misura che considerato «anti-ucraina» e «pro-Putin» hanno bloccato l'accesso alla tribuna parlamentare al grido di «Vergogna!». L'adozione del progetto era stata richiesta dagli alleati occidentali che la considerano un mezzo per aiutare a porre fine al conflitto.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal