15 ottobre 2019
Aggiornato 13:00
Il vicepresidente potrebbe annunciarla nelle prossime settimane

Presidenziali Usa, Biden piace a classi popolari e indipendenti

Nelle prossime settimane il vicepresidente Joe Biden potrebbe annunciare la sua candidatura alle primarie del partito democratico in vista delle elezioni presidenziali del prossimo novembre 2016

NEW YORK (askanews) - Nelle prossime settimane il vicepresidente Joe Biden potrebbe annunciare la sua candidatura alle primarie del partito democratico in vista delle elezioni presidenziali del prossimo novembre 2016. Il politico vuole attirare i voti dei lavoratori e quelli degli indipendenti, due categorie fondamentali per riuscire a vincere le elezioni.

Fiducia classi popolari
Biden infatti rispetto a Hillary Clinton, in questo momento principale candidato dei democratici, riesce ad attirare la fiducia delle classi popolari e quella di coloro che non sono affiliati a un partito specifico. Come scrive il Wall Street Journal, che fa riferimento a un sondaggio di Quinnipec, il vicepresidente in alcuni stati cruciali come Ohio, Pennsylvania e Florida sarebbe davanti a Donald Trump, il candidato che guida le fila dei repubblicani per gradimento.

Per i democratici panorama sgombro
A differenza dei repubblicani, in questo momento il panorama dei candidati del partito democratico è abbastanza sgombro, con Bernie Sanders, il senatore socialista del Vermont, come principale rivale di Clinton. Tuttavia anche se Sanders sta attirando folle ai comizi, diversi osservatori ritengono che non abbia le caratteristiche necessarie per poter sfidare il futuro candidato alla presidenza dei repubblicani.

Il momento giusto
Inoltre per Biden questo potrebbe essere il momento giusto per annunciare la sua corsa. Hillary Clinton infatti sta perdendo punti nei sondaggi dopo lo scandalo e le polemiche sull'uso dell'email personale quando era segretario di Stato. La vicenda ha riportato a galla le polemiche sulla trasparenza della famiglia Clinton e ancora potrebbe dare ai repubblicani un ottimo argomento per cercare di fermare la conquista della Casa Bianca da parte di Hillary.