25 settembre 2021
Aggiornato 02:30
All'indomani dei raid aerei del regime di Bashar al Assad che hanno fatto circa 100 morti

Siria, emissario Onu inorridisce di fronte agli attacchi ai civili

Il responsabile degli Affari umanitari dell'Onu, Stephen O'Brien, si è detto oggi da Damasco inorridito dagli attacchi contro i civili in Siria

DAMASCO (askanews) - Il responsabile degli Affari umanitari dell'Onu, Stephen O'Brien, si è detto oggi da Damasco «inorridito» dagli attacchi contro i civili in Siria, all'indomani dei raid aerei del regime di Bashar al Assad che hanno fatto circa 100 morti.

Assenza rispetto della vita
«Sono inorridito dall'assenza totale del rispetto della vita dei civili in questo conflitto», ha dichiarato in una nota distribuita a Damasco in una conferenza stampa. O'Brien si è detto «particolarmente inorridito dalle notizie relative agli attacchi aerei che hanno provocato decine di morti e centinaia di feriti fra i civili nel centro di Duma, una zona assediata di Damasco».

Mercato popolare centrato da Assad
Una serie di raid dell'aviazione di Assad hanno centrato ieri un popolare mercato nel feudo ribelle di Duma, uccidendo 96 persone, in maggioranza civili, in uno degli attacchi più sanguinosi dall'inizio della guerra nel marzo 2011. O'Brien, che si trovava nella capitale siriana al momento degli attacchi, ha lanciato un appello a tutti i belligeranti a «proteggere i civili e a rispettare il diritto umanitario internazionale»