5 giugno 2020
Aggiornato 09:00
La conferma del premier malese, familiari vittime insoddisfatti

Giallo Mh370, ala ritrovata è parte del B777 scomparso

Secondo il premier malese, il frammento di alettone ritrovato la settimana scorsa sull'isola francese di La Reunion, nell'Oceano Indiano, appartiene con sicurezza al B777 della Malaysia Arlines scomparso nella zona nel gennaio del 2014

KUALA LUMPUR (askanews) - Il frammento di alettone ritrovato la settimana scorsa sull'isola francese di La Reunion, nell'Oceano Indiano, appartiene «con sicurezza» al B777 della Malaysia Arlines scomparso nella zona nel gennaio del 2014: l'annuncio del premier malese, Najib Razak, non ha tuttavia soddisfatto i familiari delle vittime che chiedono ora di stabilire la verità sulle circostanze della perdita dell'apparecchio.

E' il Boeing777
Razak non ha infatti fornito alcun dettaglio né su come si sia arrivati alla certezza dell'identificazione né sulle possibili cause dell'incidente, e i familiari chiedono dunque che vengano effettuate nuove ricerche per recuperare il relitto del B777 o quanto meno le scatole nere dell'apparecchio in modo da poter accertare la verità sulle circostanze della morte dei loro congiunti.

Indizi forti
La magistratura francese peraltro non ha confermato quanto detto da Razak, limitandosi a indicare come vi siano «indizi assai forti» che l'alettone faccia parte del B777 malese; l'annuncio del premier avviene infatti poche ore dopo l'inizio delle analisi degli esperti della Bea sul componente recuperato: di certo si sapeva che l'alettone era uno dei componenti di un B777, ma mancavano ancora le «prove giuridiche» che confermassero l'appartenenza all'apparecchio precipitato, come aveva spiegato uno degli esperti. A tale scopo verrà analizzato il numero di identificazione - che non coincide però con il numero di registrazione dell'apparecchio - stampigliato sul bordo dell'alettone, le tracce di vernice e la struttura metallica (per accertare se sia stato sottoposto a una sollecitazione «eccezionale» o a un certo numero di sollecitazioni meno forti, il che potrebbe aiutare a chiarire la dinamica dell'incidente) e infine anche i crostacei ritrovati sul componente verranno esaminati per stabilire da quanto tempo si trovasse sott'acqua e in quale zona particolare. Secondo gli esperti è tuttavia quasi certo che si tratti del volo Mh370 - scomparso senza lasciare tracce mentre era in rotta da Kuala Lumpur a Pechino con 239 persone a bordo - dato che nessun altro B777 ha mai sofferto alcun incidente nella zona interessata.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal