20 agosto 2019
Aggiornato 03:30
Resta alta la tensione

Hong Kong, arrestati due dei leader della protesta

L'operazione si è svolta un giorno dopo che oltre 100 manifestanti sono stati arrestati, mentre gli agenti sgomberavano un'altra sezione del campo dei manifestanti a Mongkok. Centinaia di poliziotti hanno respinto i dimostranti e rimosso le barricate, le tende e gli altri ostacoli che ostruivano Nathan Road.

HONG KONG - La polizia di Hong Jong ha fermato oggi Joshua Wong un altro leader della protesta studentesca, mentre la polizia ha sgomberato con la forza parte di una strada centrale bloccata dai due mesi dai sit-in pro-democrazia. Ci sono stati tafferugli tra la polizia, che indossava caschi e ha usato i manganelli, e la folla che cercava, a sua volta, d'impedire agli operai di spostare le barricate sulla strada nel quartiere di Mongkok.

L'operazione si è svolta un giorno dopo che oltre 100 manifestanti sono stati arrestati, mentre gli agenti sgomberavano un'altra sezione del campo dei manifestanti a Mongkok. Centinaia di poliziotti hanno respinto i dimostranti e rimosso le barricate, le tende e gli altri ostacoli che ostruivano Nathan Road. Circa due ore dopo che l'operazione è partita, solo un pugno di manifestanti era rimasto nel sito della protesta.

Joshua Wong e Lester Shum sono stati arrestati sulla scena, secondo un gruppo denominato «Sapere scolastico» e la Federazione degli Studenti Hong Kong. Non è chiaro se l'arresto è stato poi prolungato.

La tensione ha continuato a essere alta dopo i tafferugli del giorno precedente, quando la polizia ha utilizzato lo spray al peperoncino contro i dimostranti, negli scontri più violenti da quando le manifestazioni sono iniziate il 28 settembre scorso.

«Se abbiamo perso questo posto, non abbiamo perso il coraggio. Noi possiamo andare in qualsiasi altro posto (a occupare). Non c'è bisogno di restar qui», ha detto Kelvin Ng, un dimostrante ventunenne.

I manifestanti chiedono libere elezioni per la leadership della città semi-autonoma, mentre Pechino intende consentire una competizione elettorale ristretta a candidati accettati dall'autorità centrale.

La polizia ha comunicato che, negli scontri di ieri, ha arrestato 116 persone, tra le quali anche un ragazzo di 14 anni. Venti poliziotti sono rimasti feriti. E' stata fermata anche una troupe televisiva, ha denunciato l'Associazione dei giornalisti di Hong Kong.

Lo sgombero di oggi è il terzo da quando l'Alta corte, rispondendo a una denuncia da parte di un proprietario d'un edificio e degli operatori del trasporto pubblico, ha emesso un'ingiunzione. «Per favore, ottemperate all'ingiunzione, andate via immediatamente», ha chiesto un ufficiale giudiziario prima che l'operazione avesse inizio.

Gli operai civili che hanno rimosso le barricate indossavano T-shirt con la scritta "Io amo HK" e berretti da baseball rossi.