30 maggio 2020
Aggiornato 11:00
Libia

Scontri a Tripoli, 31 morti e 285 feriti

Nuovo bilancio diffuso dal ministero della Sanità. Ieri un corteo inizialmente pacifico contro una milizia a Tripoli, alla quale veniva chiesto di lasciare la sua sede e abbandonare la capitale, è degenerata in scontri armati

TRIPOLI - E' aumentato ad almeno 31 morti e 285 feriti il bilancio degli scontri di ieri a Tripoli, in Libia. Lo ha annunciato il ministro della Sanità del Paese, Noureddine Daghmane.
«Il bilancio è attualmente di 31 morti e di 285 feriti», ha indicato il ministro all'emittente televisiva privata Libia al-Ahrar, aggiungendo che rischia di aggravarsi. Poco prima, il ministero aveva riferito di tredici vittime e 114 feriti.

Ieri un corteo inizialmente pacifico contro una milizia a Tripoli, alla quale veniva chiesto di lasciare la sua sede e abbandonare la capitale, è degenerata in scontri armati. Non è stato possibile distinguere le vittime uccise dalla milizia Ghargour nel corso della manifestazione pacifica, da quelle morte nell'assalto al quartier generale della milizia stessa in rappresaglia alla prima sparatoria.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal