17 luglio 2019
Aggiornato 08:30
La crisi egiziana

Il Premier Beblawi non esclude Fratelli Musulmani in nuovo Governo

«Non mi preoccupo dell'appartenenza politica. Se qualcuno è proposto dal Partito della Libertà e della Giustizia (braccio politico dei Fratelli musulmani), ed è qualificato» può essere preso in considerazione

IL CAIRO - Il Primo ministro egiziano, Hazem al Beblawi, ha detto oggi che non esclude la partecipazione di alcuni esponenti dei Fratelli musulmani in un nuovo esecutivo. «Non mi preoccupo dell'appartenenza politica. Se qualcuno è proposto dal Partito della Libertà e della Giustizia (braccio politico dei Fratelli musulmani, ndr), ed è qualificato» può essere preso in considerazione, ha detto Beblawi all'Afp.

COLPO DI STATO - La confraternita ieri aveva già respinto una offerta di entrare nel nuovo governo. «Non faremo accordi con i putchisti. Respingiamo tutto ciò che deriva da questo colpo di Stato», aveva commentato un portavoce della fratellanza, Tareq al Morsi, riferendosi alla deposizione dell'ex presidente Mohammed Morsi.