10 luglio 2020
Aggiornato 01:30
Atleta monitorato in cella

Pistorius, timori su suicidio

Sono stati intensificati i controlli in cella su Oscar Pistorius, accusato dell'omicidio della fidanzata-modella nel giorno di san Valentino, nel timore che l'atleta sudafricano possa tentare il suicidio

PRETORIA - Sono stati intensificati i controlli in cella su Oscar Pistorius, accusato dell'omicidio della fidanzata-modella nel giorno di san Valentino, nel timore che l'atleta sudafricano possa tentare il suicidio. Lo riporta il tabloid britannico Sun, che dedica un lungo articolo alla vicenda.

Ieri l'eroe paralimpico, 26 anni, è scoppiato in un pianto a dirotto nell'aula di tribunale di Pretoria dove è stato formalmente incriminato dell'omicidio di Reeva Steenkamp, la modella 30enne con cui era fidanzato. Le immagini di 'Blade Runner' in lacrime hanno fatto il giro del mondo.

Fonti hanno indicato al Sun che Pistorius, che nega l'accusa di omicidio, viene monitorato nella sua cella per i crescenti timori sulla sua salute mentale. Il primo atleta con le gambe amputate a partecipare alle Olimpiadi è stato rinchiuso in una cella di polizia con criminali e ladruncoli dopo la formalizzazione della sua incriminazione.