16 ottobre 2019
Aggiornato 14:00
Fondamentalismo islamico

Nigeria, almeno due morti nelle violenze a Kano

Scontro a fuoco tra esercito e sospetti membri dei Boko Haram. Esplosioni e colpi di arma da fuoco sono stati avvertiti per molte ore nella notte tra lunedì e martedì in una zona vicina a un commissariato di Kano, grande metropoli del nord musulmano

KANO - Almeno due persone sono state uccise questa mattina nella città di Kano, la più importante del nord della Nigeria, durante un'operazione dell'esercito contro sospetti membri del movimento fondamentalista islamico Boko Haram. Lo ha indicato un testimone.

Esplosioni e colpi di arma da fuoco sono stati avvertiti per molte ore nella notte tra lunedì e martedì in una zona vicina a un commissariato di Kano, grande metropoli del nord musulmano. Secondo questo testimone, un gran numero di soldati e di forze di sicurezza ha circondato poco dopo mezzanotte una casa sospettata di ospitare combattenti di Boko Haram. Hanno aperto il fuoco, i sospetti hanno risposto. Il conflitto a fuoco è durato quattro ore e mezzo. «Le due parti hanno utilizzato mitra pesanti e tutti nella zona erano terrorizzati. Era impossibile dormire», ha detto questo abitante. «Ho visto i corpi di due sospetti», ha aggiunto questo testimone, che vive a prossimità.

Il portavoce della polizia a Kano ha da parte sua smentito qualsiasi nuovo attacco di Boko Haram. Venerdì, attacchi coordinati contro i simboli del potere a Kano aveva causato 185 morti, nell'attacco più grave condotto finora da Boko Haram. Questi attacchi condotti dopo la preghiera della sera hanno riguardato, secondo la polizia, una scuola secondaria cattolica per ragazze, un quartiere generale della polizia, commissariati, oltre che un edificio della polizia segreta e uffici dell'immigrazione. Kano è stato colpito da una lunga serie di attentati contro i cristiani nel nord a maggioranza musulmana del Paese, dopo attentati mortali che avevano provocato 49 morti il 25 dicembre vicino alla capitale federale Abuja.