20 novembre 2019
Aggiornato 16:00
Medio Oriente | Iran

La marina americana salva il peschereccio iraniano nel Golfo di Oman

E' il terzo intervento in 10 giorni a favore di marinai iraniani, in una regione segnata da crescenti tensioni tra Teheran e Washington

WASHINGTON - La Marina Usa ha annunciato di aver soccorso un peschereccio iraniano nel Golfo di Oman: si tratta della terza operazione di salvataggio condotta dalle forze Usa negli ultimi 10 giorni verso imbarcazioni iraniane, in una regione segnata da crescenti tensioni tra Teheran e Washington.

E' il terzo intervento in 10 giorni a favore di marinai iraniani - Dopo la liberazione di 13 marinai iraniani presi in ostaggio dai pirati somali e il salvataggio di altri 11 marinai da una nave cargo che stava affondando, la V Flotta americana è intervenuta ieri per prestare soccorso a un peschereccio in difficoltà. Stando a quanto si legge in un comunicato, un elicottero Seahawk del cacciatorpediniere USS Dewey ha individuato l'imbarcazione che stava affondando e altre due che stavano cercando di rimorchiarla. Un marinaio era ancora a bordo, mentre altri due membri dell'equipaggio avevano trovato rifugio sulle due navi intervenute in aiuto.
E' quindi intervenuto in zona il cacciatorpediniere USS Dewey. «Quando abbiamo parlato con il capitano è emerso che avevano bisogno di acqua e cibo», ha detto il responsabile della squadra di soccorso, Jason Dawson. I tre marinai avevano lottato per tre giorni contro il mare, prima di decidere di abbandonare il peschereccio. Secondo quanto si legge nella nota, gli americani hanno dato loro 70 chilogrammi di cibo, acqua e altri beni di prima necessità.