19 novembre 2019
Aggiornato 14:00
Creati da un gruppo di ricercatori del Minnesota

AIDS, gatti fluorescenti contro l'HIV

La fluorescenza servirà a permettere ai ricercatori di osservare l'attività dei nuovi geni quando il virus colpisce alcuni organi

ROCHESTER - Gatti geneticamente modificati per studiare l'Hiv. I ricercatori della Mayo Clinic di Rochester del Minnnesota (Usa) sono riusciti a mettere al mondo tre gattini che diventano verde fluorescente se illuminati con della luce blu.

I loro geni - spiega la rivista Nature Method, citata dal quotidiano britannico The Guardian - hanno il 90% in comune con il Dna umano e quindi condividono con l'uomo una serie di malattie, fra queste anche il virus dell'Hiv. I gattini sono stati modificati anche con il gene di primati originari dell'Asia che sono resistenti al virus dell'Hiv.

La fluorescenza servirà a permettere ai ricercatori di osservare l'attività dei nuovi geni quando il virus colpisce alcuni organi, quelli più frequentemente danneggiati dall'Hiv, come il sistema linfatico. I gatti, inoltre, saranno portatori del gene anti-Hiv e quindi potranno procreare altri gatti immunoresistenti.