12 luglio 2020
Aggiornato 07:30
Marea nera

Bp sapeva della mancanza di sicurezza su Deepwater Horizon

Il colosso petrolifero avrebbe ignorato oltre 390 infrazioni

LONDRA - La Bp avrebbe ignorato la mancanza degli standard di sicurezza sulla piattaforma Deepwater Horizon, di cui era a conoscenza già mesi prima dell'esplosione che ha provocato il disastro ecologico nel Golfo del Messico. Lo riporta il Sunday Times.
Il giornale inglese afferma di essere venuto in possesso di documenti su una verifica interna, che avrebbe evidenziato come la piattaforma, di proprietà del gruppo Transocean, non soddisfacesse gli standard di sicurezza della Bp.

390 INFRAZIONI - Secondo il resoconto in mano al Sunday Times, sette mesi prima dell'esplosione, avvenuta il 20 aprile, gli ispettori avrebbero scoperto che 390 lavori di manutenzione avevano accumulato più di un mese di ritardo. Tra le operazioni lasciate indietro, anche quelle relative ai dispositivi di sicurezza del pozzo all'origine del disastro ambientale.