21 aprile 2024
Aggiornato 23:30
Esteri. Crisi mediorientale

Egitto: Netanyahu vuole seriamente la pace

Parla il Ministro degli esteri Aboul Gheit: «sono incoraggiato dalla visita del premier israeliano»

IL CAIRO - Il ministro degli Esteri egiziano Ahmed Aboul Gheit si dice incoraggiato dalla visita di oggi al Cairo del premier israeliano Benjamin Netanyahu. Lo riporta il sito web del quotidiano israeliano Haaretz. Secondo il capo della diplomazia egiziana, Netanyahu vuole seriamente rilanciare il processo di pace con i palestinesi. Senza fornire dettagli, Aboul Gheit ha detto che il premier israeliano ha presentato una proposta che oltrepassa tutte le precedenti posizioni israeliane.

Non posso svelare i dettagli, ma con il primo ministro abbiamo parlato di posizioni che vanno al di là di ciò che avevamo sentito in passato dagli israeliani», ha detto il ministro egiziano. «Non posso dire che si è presentato su una nuova posizione, ma le cose stanno andando avanti».

Le richieste palestinesi - I palestinesi non intendono riprendere il negoziato di pace fino a quando Israele non congelerà le costruzioni in tutti gli insediamenti in Cisgiordania e anche a Gerusalemme Est.
Chiedono anche che Netanyahu riprenda il negoziato dal punto in cui lo aveva portato il suo predecessore Ehud Olmert. Al Cairo Netanyahu ha incontrato il presidente Hosni Mubarak,con il quale ha discusso del processo di pace e del caso del soldato Gilad Shalit, ostaggio di Hamas da oltre tre anni.