30 marzo 2020
Aggiornato 12:00
Sudan

Darfur: rapiti cinque operatori di Msf, c'è anche un italiano

Lo ha reso noto la sezione belga di Medici senza frontiere

KHARTOUM - Cinque operatori del'organizzazione umanitaria Medici senza frontiere-Belgio sono stati sequestrati nella regione sudanese del Darfur, teatro dal 2003 di una guerra civile. Lo ha reso noto l'ong. Tra i rapiti ci sarebbe anche un italiano, un francese e un canadese.

«Confermo il sequestro di tre operatori umanitari non sudanesi e di due operatori locali», ha detto alla France presse una fonte di Medici senza frontiere (Msf) che ha chiesto l'anonimato. «Sono stati rapiti ieri nel Nord-Darfur - ha aggiunto un'altra fonte - è molto grave».

Le sezioni di Msf di Francia e Paesi Bassi sono state espulse dalla regione sudanese la scorsa settimana, insieme a un'altra decina di ong, dopo che la Corte penale internazionale dell'Aia (Cpi) ha spiccato un mandato di arresto contro il presidente sudanese Omar al Bashir, per crimini di guerra e contro l'umanità commessi nella regione. Khartoum ha accusato le ong espulse dal Darfur di aver collaborato con la Cpi. L'ordine di espulsione non ha riguardato le sezioni di Belgio, Svizzera e Spagna di Msf.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal