17 febbraio 2020
Aggiornato 17:00

Festival dei Giovani, la parola ai Millennials

A Gaeta quattro giorni di dibattiti, contest e seminari

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/04/20170405_video_14112520.mp4

Gaeta, - Al via a Gaeta la seconda edizione del Festival dei Giovani, una quattro giorni di dibattiti, contest e seminari in cui i Millennials saranno assoluti protagonisti. L'iniziativa, organizzata da Strategica Community e da Università Luiss Guido Carli, punta a far parlare di sè una generazione - rappresentata da migliaia di studenti di 97 scuole superiori di tutta Italia - che non si ritrova nelle definizioni che gli adulti le attribuiscono e che vuole far conoscere le proprie opinioni e le proprie proposte. Una generazione piena di idee che spesso viene lasciata al palo e che invece avrebbe molto da offrire al mondo.

Fulvia Guazzone, ideatrice del format, racconta com'è nata l'idea del Festival: "Devo dire che è venuta forse in mente ai ragazzi perché durante gli incontri che abbiamo fatto nelle scuole in questi anni in giro per l'Itlia è emersa forte la voglia di avere un luogo in cui potersi esprimere, quindi non solamente imparare ad ascoltare il mondo adulto ma potersi confrontare e raccontare. Il Festival dei giovani nasce con questo spirito cioè un Festival con una concezione capovolta: i relatori, i casi, le storie sono i giovani".

Il direttore generale della Luiss, Giovanni Lo Storto, mette l'accento sull'importanza dell'ascolto per la costruzione del futuro professionale dei giovani: "Ventimila ragazzi che debbono decidere cosa fare nella vita e che vengono a Gaeta per mettere al centro loro stessi e l'ascolto. Qui a Gaeta sono i giovani che parlano con i giovani e noi adulti abbiamo il ruolo non facile di imparare ad ascoltare".

Centotrenta gli eventi in programma, nei quali si affronteranno tutti i principali temi di attualità, dall'immigrazione alla parità di genere; dall'Europa all'economia sostenibile; dal bullismo alle droghe leggere; dalla disabilità al lavoro ai tempi dei social network. Spazio anche ai sentimenti, con i laboratori sulle emozioni, e al benessere fisico e psicologico.