3 agosto 2021
Aggiornato 07:30
Credito

Come scegliere un prestito personale: i parametri da considerare

Chi è alla ricerca di fondi per finanziare la costruzione di casa oppure per investire nell'apertura di un'attività, può trovare una mano presso le banche, tuttavia queste ultime non sempre sono vantaggiose

Come scegliere un prestito personale: i parametri da considerare
Come scegliere un prestito personale: i parametri da considerare Pixabay

Chi è alla ricerca di fondi per finanziare la costruzione di casa propria oppure per investire nell'apertura di un'attività, può trovare una mano presso le banche, tuttavia queste ultime non sempre sono vantaggiose.

Fra le finanziarie più importanti degli ultimi anni sta avendo sempre maggiore seguito per le ottime condizioni economiche che propone e per la sua vasta rete agenziale distribuita in tutta Italia è senz’altro il prestito personale di Compass. E’ possibile richiederlo direttamente online oppure fissando un appuntamento presso la filiale più vicina.

I tre piani di prestito che Compass propone sono il prestito Compass Total Flex, Compass Ottimo e Compass Jump. Queste proposte iniziali della famosa filiale danno largo margine di manovra a chi riceve il prestito: ad esempio, il piano Flex permette di modulare rata e durata, il Jump addirittura prevede un allungamento o addirittura salto della rata in base all'esigenza, mentre il prestito Ottimo si rivolge a tutti i pensionati: in ogni caso, le proposte sono flessibili e modulabili in base alle esigenze di ogni persona e all'abilità degli esperti in filiale, in grado di formulare e offrire sempre la migliore qualità e convenienza in relazione alle esigenze del cliente.

Ma quali sono i parametri da considerare per scegliere un prestito personale?

I 5 parametri da considerare per scegliere un prestito

Farsi prestare del denaro è oggi molto sicuro per via della tutela legislativa posta sulla parte contraente debole. In ogni caso, fra prestiti e prestiti - che vengono stipulati e formalizzati da istituti di credito - vigono dei parametri oggettivi e condivisi che è bene considerare prima di firmare alcunché.

Verificare il TAN

La verifica del TAN è un passo fondamentale che deve essere discusso con l'agente che si dedicherà alla pratica; in linea generale, più questo valore è basso e maggiore è la convenienza del prestito personale. In ogni caso, è bene farsi consigliare in maniera precisa da un professionista esperto del settore.

Accessori

Con gli accessori si parla di tutti quegli aspetti che non sono correlati all'erogazione del prestito, ma ne sono di contorno, come le spese per la firma del contratto e i costi dell'apertura e chiusura della pratica. Chiedere all'operatore incarico per avere delucidazioni e precisazioni in merito.

Assicurazione

Di solito aprire un'assicurazione relativa al prestito non è obbligatorio, tuttavia l'agenzia o la filiale che eroga la liquidità potrebbe chiederlo.

Garante

Quando richiedono un garante, la società finanziaria vuole tutelare sé stesse garantendosi la possibilità di ottenere sicurezza in caso di insolvenza o scopertura del prestito: di solito, proporre un garante è opzionale e a volte riduce i tempi per l'erogazione del credito.

Durata

Stabilire la durata del prestito personale è la parte più importante: in linea generale, più anni di durata sono previsti e più è facile ottenere il prestito; tuttavia, è bene valutare le proprie necessità in relazione ai costi da sostenere per avere la certezza di fare la scelta migliore.

La valutazione di questi parametri per il prestito personale garantisce di ottenere il denaro nella migliore e maniera possibile. La possibilità di stabilire fattori facoltativi, come il garante o l'assicurazione, possono essere fattori importanti in periodi di incertezza economica e tutelare sé stessi da possibili insolvenze: in ogni caso è bene sempre informarsi prima con esperti del settore e altri professionisti.