3 dicembre 2020
Aggiornato 08:30
Automotive

Il mercato delle auto usate ai tempi del Coronavirus

L’interesse d’acquisto degli italiani si è spostato sui cosiddetti beni di prima necessità a scapito di molti settori, tra cui quello automotive

Indagini statistiche online in ambito automotive
Indagini statistiche online in ambito automotive Ufficio Stampa

MILANO - L'Italia sta attraversando un periodo di forte criticità a causa della diffusione del Coronavirus. Sono state numerose le contromisure attuate nell’ultimo periodo dal Governo per contenere il rischio di contagio, a beneficio di tutti noi. Queste limitazioni però hanno delle conseguenze e ogni settore produttivo sta affrontando una grave crisi nella gestione della pandemia. Il mondo dell’auto è tra questi.

brumbrum.it ha effettuato una ricerca sul momento attuale del mercato delle auto usate, avvalendosi dei dati raccolti dall’Osservatorio brumbrum, il proprio Osservatorio di rilevazioni e indagini statistiche online in ambito automotive. Per questa analisi brumbrum ha preso in considerazione il numero di vetture messe in vendita e acquistate online in tutta Italia nel periodo precedente alla diffusione del COVID-19 e nelle settimane successive.

Calo di circa il 60% delle vendite

L’emergenza coronavirus ha drasticamente cambiato le nostre priorità: l’interesse d’acquisto degli italiani si è spostato sui cosiddetti beni di prima necessità a scapito di molti settori, tra cui quello automotive, che soffre particolarmente le attuali misure di contenimento. I dati di vendita nel mondo delle vetture usate online parlano chiaro e nelle ultime tre settimane i numeri sono in netta controtendenza rispetto all’andamento stagionale. Prendendo in considerazione la settimana che va dal 30 marzo al 5 aprile il calo è del 58% se paragonato ai valori medi di gennaio, prima che scoppiasse l’emergenza COVID-19.

Nonostante il primo focolaio in Nord Italia sia stato registrato il 21 febbraio, fino all’8 marzo (data del primo decreto che prevedeva la chiusura della Lombardia) il mercato ha retto l’urto del coronavirus, con dati di vendita in linea con il periodo. Il D.P.C.M. entrato in vigore l’11 marzo, che ha vietato ogni spostamento di persone fisiche dai territori di residenza e ha chiuso la quasi totalità di industrie e aziende, ha portato al crollo drastico delle vendite. Nella settimana dal 9 al 15 marzo il calo è stato del 28% rispetto a gennaio, dal 16 al 22 marzo addirittura del 55%. Nei sette giorni successivi si è registrato il -62%. Stabile il dato dell’ultima settimana appena conclusa: -58%.

Più che dimezzato lo stock di auto in vendita online

La paralisi quasi totale dell’usato in rete soffre particolarmente dei problemi di approvvigionamento di vetture. Anche qui dopo il D.P.C.M c’è stato il rapido crollo: dal 9 al 15 marzo il calo è stato del 27%, la settimana successiva il doppio con il -54%. Negli ultimi sette giorni si è registrato il -56%.

«È difficile immaginare l’impatto che questo momento storico avrà a lungo termine sulle nostre vite e sul mercato globale. - ha dichiarato Francesco Banfi, CEO di brumbrum - Dobbiamo tutti fare i conti con il fatto che adesso la nostra salute va messa al primo posto e che vanno prese tutte le misure opportune per far sì che questa emergenza termini il prima possibile. Quando succederà, sono convinto che vedremo segnali incoraggianti nel mondo dell'industria e il settore auto tornerà ai livelli del passato.»