15 ottobre 2019
Aggiornato 23:00
Posti di lavoro in Michigan

Trump ordina e Ford esegue: investirà 1,2 miliardi di dollari in Usa

Ford Motor strizza l'occhio al presidente americano Donald Trump, promettendo di investire 1,2 miliardi di dollari in tre stabilimenti in Michigan

NEW YORK - Ford Motor fa contento Donald Trump. Il produttore di auto ha annunciato un investimento di 1,2 miliardi di dollari in tre stabilimenti americani portando a 1,9 miliardi di dollari il valore degli investimenti annunciati da inizio anno negli Stati Uniti. Il presidente americano aveva anticipato di quattro ore l'annuncio del gruppo con un tweet: «Grandi investimenti saranno fatti in tre fabbriche del Michigan. Le compagnie automobilistiche tornano negli Stati Uniti. LAVORO! LAVORO! LAVORO!».

Ford Motor strizza l'occhio a Trump
L'azienda guidata da Mark Fields sembra strizzare l'occhio a Trump, che a inizio anno l'aveva pesantemente criticata per via di un investimento da 1,6 miliardi di dollari necessario per la costruzione di una nuova fabbrica in Messico dove realizzare la produzione della Focus. Quel piano è stato poi annullato in segno di «fiducia» nella nuova amministrazione (la Focus verrà comunque realizzata nella nazione dell'America centrale, ma in un impianto esistente).

12 mld di dollari investiti negli Usa
Successivamente Ford annunciò un investimento in Usa da 700 milioni di dollari con la creazione di 700 posti di lavoro. Una frase parte del comunicato diffuso oggi da Ford sembra pensata per compiacere il Commander in chief: il gruppo «costruisce più veicoli in Usa e dà lavoro a più lavoratori americani pagati a ore di ogni altro produttore di auto». Come a dire che Ford è meglio di General Motors e Fiat Chrysler Automobiles, le altre due aziende di Detroit (Michigan). Ma non finisce qui.

28mila nuovi posti di lavoro
Ford sostiene di avere investito 12 miliardi di dollari in Usa negli ultimi cinque anni, durante i quali sono stati creati quasi 28.000 posti di lavoro. Con l'ultimo investimento, «verranno creati o mantenuti 130 posti di lavoro» alla fabbrica di motori a Romeo (Michigan), dove ci sarà una iniezione di 150 milioni di dollari. Altri 850 milioni di dollari sono destinati all'impianto di assemblaggio a Wayne (sempre in Michigan) dove bisogna adeguare la produzione per il nuovo pickup Ranger e Suv Bronco prevista, rispettivamente, alla fine del 2018 e nel 2020.

200milioni di dollari per un data center
Duecento milioni di dollari andranno a un data center (il secondo dei due che Ford sta sviluppando nello Stato) per sostenere l'espansione di Ford nella mobilità: il gruppo si aspetta un aumento dell'uso di dati del 1.000% sulla scia di nuovi servizi legati ad auto connesse a Internet, a quelle autonome e a quelle elettriche. Questo secondo data center sarà nell'impianto di assemblaggio a Flat Rock, lo stesso dove l'azienda sta investendo i 700 milioni di dollari annunciati a gennaio.

Joe Hinrichs: Stiamo investendo a casa
«Stiamo investendo aggressivamente per trarre vantaggio dalla nostra forza attuale - nei truck, van, veicoli commerciali, Suv e nella performance - e allo stesso tempo per aumentare la nostra leadership nelle auto elettriche, in quelle autonome e nei servizi alla mobilità», ha detto Joe Hinrichs, presidente di Ford per le attività nelle Americhe. «Siamo orgogliosi di spingerci oltre nel nostro impegno a investire nella manifattura qui a casa», ha aggiunto in una nota.