22 ottobre 2019
Aggiornato 17:30
Turismo | Rivolta in Egitto

«I tour operator sono obbligati a rimborsare i clienti»

La Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo (Fiavet), che si è riunita a Roma per fare il punto sulla crisi in Egitto e le sue conseguenze ha chiarito: «Se il turista non intende o non può accettare soluzioni alternative deve riavere i suoi soldi»

ROMA - In tutti i casi in cui il turista non intenda o non possa accettare le soluzioni alternative che gli vengono offerte, il tour operator è obbligato a corrispondere integralmente al cliente la somma di denaro versata, poiché questi non usufruisce dei servizi richiesti. Lo ha ribadito la giunta della Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo (Fiavet), che si è riunita a Roma per fare il punto sulla crisi in Egitto e le sue conseguenze.
Fiavet ha specificato che intende offrire il proprio sostegno «a tutte le agenzie che, in questi giorni, sono alle prese con cancellazioni e richieste di rimborsi» e ha rivolto a tutti gli operatori un richiamo al rispetto delle regole dettate dal codice del turismo.

In particolare, Fortunato Giovannoni, presidente Fiavet, ha ricordato che la Federazione è: «a disposizione dei suoi associati e di tutte le agenzie di viaggio, a cui è pronta a offrire l'assistenza e il sostegno necessari per affrontare una situazione di difficoltà come questa. E' dovere di ognuno di noi attivarsi al meglio per offrire la massima tutela possibile al cliente, che rappresenta il patrimonio comune di tutti gli operatori del turismo, principio questo che deve valere sempre e, in modo particolare, in occasione di situazioni di emergenza, quando deve emergere il valore aggiunto che solo le agenzie e i tour operator sono in grado di garantire».