4 luglio 2020
Aggiornato 16:30
Impresa & Territorio

Occupazione in Brianza: 550 posti di lavoro in meno nei primi tre mesi del 2013

Circa 1 assunzione su 3 a Monza e Brianza riguarderà giovani under 30 (29,5%). La crisi penalizza il gentil sesso: solo per il 15% delle nuove assunzioni le donne sono preferite agli uomini

MONZA - Da gennaio a marzo saranno 1.460 i nuovi posti di lavoro attivati dalle imprese di Monza e Brianza, a fronte di 2.010 uscite (dovute a scadenza di contratti, pensionamento o altri motivi). Si tratta dunque di un saldo negativo di 550 posti di lavoro.
1.010 assunzioni saranno assorbite dal settore dei servizi, commercio e turismo, mentre l’industria e le costruzioni prevedono un ingresso di 440 unità. Sono per la maggior parte assunzioni di personale a tempo determinato (54,7% del totale), seguono le assunzioni a tempo indeterminato (38,4%), l’apprendistato (4,9%) e infine le altre tipologie di contratto come contratti a chiamata (2%).

Nell’arco del I trimestre del 2013 circa 1 assunzione su 3 a Monza e Brianza riguarderà giovani fino 29 anni (29,5%), particolarmente richiesti nell’insegnamento e per i servizi alle persone (86,8%) e come operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione di edifici (67,2%). L’età fa la differenza per gli operai metalmeccanici ed elettromeccanici, dove nel 65% dei casi si preferisce un candidato più maturo (oltre 29 anni) e con specifica esperienza (73,3%).
Considerando le assunzioni per preferenza di genere, la crisi penalizza il gentil sesso: solo per il 15% delle nuove assunzioni le donne avranno una corsia preferenziale. In particolare nel settore del commercio come commessa (37,6%). Le imprese privilegiano gli uomini, che sono preferiti per il 29,1% sul totale delle nuove assunzioni, con percentuali elevate soprattutto come operai.
E se il diploma rimane il titolo di studio più richiesto per le nuove assunzioni (45,5%), cresce la richiesta di laureati in Brianza: oggi al 21,7%, lo scorso anno (I trimestre 2012) si fermava al 15,7%, superando anche il dato lombardo che si attesta per il I trimestre 2013 a 18,7%. E infatti nei primi tre mesi dell’anno, dopo i commessi (220 assunzioni previste), gli ingegneri e tecnici in campo informatico ed ingegneristico avranno maggiori prospettive, con complessivamente 300 nuove assunzioni previste.
Problemi di reclutamento sono attesi per il 42,1% dei casi di assunzione di operai nelle industrie chimiche, del legno e della carta. La preferenza per il personale immigrato resta contenuta (13,4% delle assunzioni). Emerge da una elaborazione dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza, sui dati Sistema informativo Excelsior.

«L’occupazione rimane uno degli aspetti che ci preoccupa – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza – e ancora una volta i dati ci testimoniano come siano necessari al più presto provvedimenti strutturali finalizzati a stimolare il lavoro e l’impresa. Lo scorso anno come Camera di commercio abbiamo investito quasi 2 milioni di Euro per supportare le imprese brianzole nelle assunzioni. Quest’anno vogliamo fare di più per non disperdere quel patrimonio, fatto di know how ed esperienza, che fa la differenza nelle nostre aziende».

I servizi della Camera di commercio di Monza e Brianza per l’occupazione Per favorire l’incontro fra domanda e offerta di lavoro la Camera di commercio di Monza e Brianza, in collaborazione con Formaper, prosegue con l’attività dello Sportello Impresa Lavoro, iscritto nell’albo regionale degli enti autorizzati all’intermediazione. Il servizio ha l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle imprese del territorio di Monza e Brianza in termini di risorse umane, attraverso l’analisi dei fabbisogni aziendali e il supporto nel reperimento dei profili richiesti. Sportello Impresa Lavoro è affiancato da Sportello Design che favorisce l’incontro di domanda e offerta di lavoro tra designer e imprese e si rivolge alle imprese «design oriented» che cercano un designer, ai professionisti designer in cerca di occupazione, e ai freelance in cerca di nuove commesse. Inoltre è attivo SIT Sportello Impresa in Trasformazione, con lo scopo di facilitare il rientro nel mercato del lavoro degli «over 45», persone con particolari competenze e conoscenze manageriali che vantano un prezioso patrimonio di esperienza professionale, la Camera di Commercio di Monza e Brianza realizza il servizio che consente di facilitare l’incontro fra manager e impresa, creando importanti occasioni di collaborazione e di continuità di rapporto.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal