3 aprile 2020
Aggiornato 22:30
Siderurgia | Inchiesta Ilva

Clini: Se si chiudono impianti azienda è senza speranza

Il Ministro dell'Ambiente: «Si chiuderebbe il centro siderurgico»

ROMA - «Se vogliamo risanare l'ambiente e garantire la continuità produttiva» dello stabilimento Ilva di Taranto «il ciclo a caldo non si può spegnere. Si possono fare interventi selezionati e progressivi, ma se si chiude il ciclo non c'è speranza». Lo ha precisato il ministro dell'Ambiente Corrado Clini, oggi alla Camera davanti le Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive.
«Va detto con chiarezza che se si chiudono gli impianti a caldo si chiude il centro siderurgico e non solo per una ragione tecnica: a spegnere ci vogliono 8 mesi, poi bisogna risanare e ripartire e intanto il mercato dell'acciaio aspetta l'Ilva? Non esiste, deve essere chiaro», ha concluso Clini.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal