18 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
Intervista a «Repubblica»

Matteoli: Marcegaglia? Sa solo criticare, nessuna proposte

Il Ministro delle Infrastrutture è per la patrimoniale e il concordato fiscale. Cicchitto: La Marcegaglia è una smemorata, ha dato l'ok alle manovre

ROMA - Il ministro delle Infrastrutture e dei Tasporti respinge le contestazioni di Emma Marcegaglia. «Ormai, il suo sport preferito è criticare il governo. Senza peraltro offrire un contributo», dice Altero Matteoli in un'intervista a La Repubblica, commentando le dichiarazioni del numero uno di Confindustria all'incontro di Capri dei giovani industriali. «Parlando del provvedimento per la crescita bisogna tenere conto della delicatezza della situazione», argomenta il ministro, rifiutando le esortazioni di Marcegaglia sul decreto sviluppo: «Se facciamo un buon lavoro possiamo tagliare il traguardo con dignità e giocarci la partita elettorale. Altrimenti ci arriviamo consegnandoci alla sconfitta certa», sostiene.
Il ministro fa poi notare come la Lega sia contraria all'innalzamento dell'età pensionabile e «in un governo di coalizione vanno rispettati i patti e le alleanze». Quindi ora la soluzione a breve termine può essere una patrimoniale: «possiamo più chiedere sacrifici ai redditi bassi», sottolinea Matteoli, e «un concordato fiscale che, senza ipocrisie, significa condono. Ma niente scudi sull'edilizia.«

Cicchitto: La Marcegaglia è una smemorata, ha dato l'ok alle manovre - «Oramai la Presidente uscente di Confindustria Elena Marcegaglia è in servizio permanente effettivo contro il governo: arriva ad attaccare quello che comunque è il governo del suo Paese quando il Presidente del Consiglio è all'estero in una occasione per tutti i Paesi dell'Europa assai delicata e questo attacco sembra volere influenzare negativamente i leader degli altri Paesi». Lo sottolinea Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl alla Camera.
«Insomma un comportamento irresponsabile che gioca al tanto peggio tanto meglio, così come fa l'opposizione di sinistra. La Marcegaglia però è una specie di smemorata di Collegno - insiste Cicchitto - perchè, mentre l'opposizione ha attaccato sempre su tutta la linea, lei ha dato un parere positivo sulle ultime manovre del governo, compresa quella di agosto».