19 agosto 2019
Aggiornato 20:00
La crisi del debito

Almunia: «Le banche europee devono ricapitalizzarsi nuovamente»

Il Commissario europeo alla concorrenza: «Tagliare i dividendi, fare cessioni, paesi estandano schemi di supporto»

BRUXELLES - Le banche europee rischiano di aver bisogno di procedere a ulteriori rafforzamenti delle loro basi patrimoniali, ha avvertito il Commissario europeo alla concorrenza, Joaquin Almunia che per questo ha annunciato che chiederà di «prolungare oltre il 2011» i meccanismi con cui i vari paesi possono fornire assistenza agli istituti di credito. «Ovviamente», ha precisato il commissario, le banche dovrebbero innanzitutto cercare di finanziarsi sui mercati e «assumere tutte le iniziative possibili, come cessioni di controllate e tagli ai dividendi, prima di tornare ad attingere ai sistemi pubblici».

Secondo Almunia «il peggioramento della crisi sui debiti pubblici, il suo impatto su un sistema bancario fragile e le continue tensioni sui mercati di rifinanziamento, tutto questo - ha affermato durante un incontro a Bruxelles - indica la necessità di ulteriori ricapitalizzazioni per le banche», oltre a quelle già evidenziate per i nove istituti che non hanno superato i passati stress test in Europa.