10 aprile 2020
Aggiornato 15:30
It's time to invest

Repubblica della Sierra Leone, un paese da scoprire

MILANO - Con l’obiettivo di presentare le opportunità di investimento nel territorio della Sierra Leone, si è conclusa ieri a Milano la prima Country Presentation, presso Palazzo Giureconsulti.
L’evento ha introdotto il Paese al pubblico milanese e alle realtà industriali interessate, come una vasta pianura situata nell’Africa Nord Occidentale e confinante con altri paesi quali la Guinea e la Liberia. Sono stati presentati anche casi di investimento di grande successo già in atto, legati ad infrastrutture di ingegneria di opere pubbliche ed operazioni energetiche.
In conclusione si sono potute approfondire le occasioni di mercato connesse a settori come pesca, agricoltura, attività minerarie in forte sviluppo che ora si affiancano a nuove attività quali il turismo, l’energia e le infrastrutture in ampia crescita.

Dopo il benvenuto di PROMOS CAMERA DI COMMERCIO è intervenuto il Console Onorario della Repubblica della Sierra Leone Alessandro Rosso ed il vicepresidente della Sierra Leone, che ha illustrato i tratti essenziali di questo Paese in via di sviluppo, il cui obiettivo primario è il nutrimento della popolazione, avendo al centro dell’attenzione l’agricoltura come strategia di sviluppo. Questo si inerisce, tra l’altro, perfettamente nella cornice della grandi strategie legate ad Expo 2015, proprio a Milano.

La Repubblica della Sierra Leone, uscita ormai da sette anni da ogni guerra, con un tasso di sicurezza molto più alto di Sud Africa, Russia ed USA, possiede grandi fonti di energie rinnovabili, come l’energia eolica e solare che abbonda per oltre sei mesi all’anno, insieme alle ricchezze minerarie, di metalli ed idrocarburi. Solo l’11% delle aree arabili è oggi coltivato mentre il consumo di riso cresce oltre i 100 kg procapite, in Italia solo 7 kg/p.

Una pianura dove la lingua Inglese è diffusissima e facilmente raggiungibile dall’Europa e dalle Americhe. Una moneta stabile e forte, come il governo che assicura una tranquillità anche in termini di sicurezza, tanto più che la polizia non gira armata e la corruzione è ai minimi. Il porto di Freetown, la capitale, è uno dei più ampi porti naturali, ottimo per la pesca e per i trasporti. Le spiagge sono incontaminate e ricordano le acque cristalline dei paradisi tropicali. Lonely Planet ha definito la Sierra Leone tra le 10 Top Destinazioni nel 2009.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal