17 ottobre 2021
Aggiornato 17:00
Appello di Assoedilizia ai Sindacati inquilini

Contratti agevolati: subito rinnovo degli accordi sindacali

Dichiarazioni del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici

» È singolare che il Sunia abbia denunciato l'elevato costo degli affitti per gli studenti,nella città di Milano : si dimentica che la causa principale di questa situazione è l'inoperatività, nella nostra città, del contratto agevolato i cui canoni sono alla base dei contratti di locazione transitori e di quelli per gli studenti fuori sede.

È necessario, dunque, che i sindacati degli inquilini si inducano a considerare l'opportunità che si dia finalmente corso,dopo sei anni di tergiversazioni, al rinnovo,soprattutto nella parte economica,degli accordi per l'attuazione dei contratti agevolati ai sensi della legge 431/98.

La posizione dei sindacati si attesta su un assunto che li pone fuori dalla logica della legge: quello cioè che, partendo dal valore di base dei canoni di locazione di mercato, si arriva a canoni concordati che non permettono di sovvenire al bisogno abitativo dei meno abbienti.

Osserviamo al proposito che,pur non intervenendo direttamente sul piano del soddisfacimento del bisogno abitativo dei meno abbienti (essendo l'edilizia residenziale pubblica preposta a questo scopo ) lo strumento del contratto agevolato produce un effetto di calmieramento generale dei prezzi di mercato e di alleggerimento della pressione della domanda abitativa proveniente dal basso. Quindi ne beneficiano,direttamente o indirettamente, tutti gli utenti della casa in locazione ordinaria o temporanea, a qualsiasi fascia economica appartengano: ed è irresponsabile, da parte di chiunque, non favorirne l'operativita'.

Assoedilizia invita pertanto i sindacati dell'inquilinato ad una immediata ripresa delle trattative a suo tempo interrotte.»