11 dicembre 2019
Aggiornato 08:30
Secondo una nuova ricerca finanziata dall'UE

L'impollinazione degli insetti vale 153 Mld EUR all'anno

Questa cifra corrisponde a quasi un decimo del valore totale della produzione agricola mondiale di alimenti

Secondo una nuova ricerca finanziata dall'UE, i servizi di impollinazione forniti dagli insetti, principalmente api, valgono 153 Mld EUR all'anno. Questa cifra corrisponde a quasi un decimo del valore totale della produzione agricola mondiale di alimenti. Gli scienziati mettono in guardia che, senza questi servizi di impollinazione, le forniture di frutta, ortaggi e stimolanti come caffè e cacao non soddisferanno più l'attuale domanda.

Gli impollinatori, in particolare le api, stanno diminuendo in tutto il mondo; in alcune aree agricole, i coltivatori devono già importare le api per garantire l'impollinazione delle proprie colture. Circa l'84% delle specie coltivate in Europa dipende dall'impollinazione degli insetti, come anche il 70% delle principali colture utilizzate nel mondo per il consumo umano. Tuttavia, l'impatto economico su scala globale di una totale perdita dei servizi di impollinazione rimane incerta.

In questo studio, ricercatori francesi e tedeschi hanno analizzato la dipendenza dall'impollinazione degli insetti di 100 colture utilizzate nel mondo per il consumo umano. In base a questo hanno calcolato l'impatto della totale perdita dei servizi di impollinazione sui livelli di produzione. I loro risultati sono pubblicati nella rivista Ecological Economics.

I ricercatori hanno stimato che l'impollinazione degli insetti ha un valore di circa 153 Mld EUR all'anno, una cifra che rappresenta il 9,5% del valore totale della produzione mondiale agricola di alimenti.

Gli scienziati fanno notare che la perdita totale di insetti impollinatori non metterebbe in pericolo la fornitura globale di alimenti, ma ne soffrirebbe la produzione di determinate categorie. Nello specifico, la produzione di tre categorie di colture (frutta, ortaggi e stimolanti) si ridurrebbe molto al di sotto degli attuali livelli di consumo.

Regioni che sono già importatori netti di queste colture potrebbero avere particolari problemi. Ad esempio, il consumo di frutta nell'UE supera del 20% la produzione.

I ricercatori sottolineano il fatto che i loro calcoli si occupano soltanto di quelle colture prodotte esplicitamente per il consumo umano; ma essi non hanno tenuto conto della produzione di colture che vengono consumate dagli animali da pascolo, della coltivazione di piante per i biocarburanti, della produzione di semi per fiori ornamentali e dell'impollinazione delle piante selvatiche. Quindi, il valore totale dei servizi di impollinazione forniti dagli insetti all'economia globale è probabilmente molto superiore a 153 Mld EUR.

Il supporto UE per la ricerca è venuto dal progetto ALARM («Valutazione su vasta scala dei rischi ambientali per la biodiversità con metodi sperimentati«), che è finanziato nell'ambito dell'area tematica «Sviluppo sostenibile, cambiamento globale ed ecosistemi» del Sesto programma quadro (6°PQ).