3 agosto 2020
Aggiornato 16:30
Calcio | Milan

Brocchi come Inzaghi: «Critiche immotivate»

Le conferenze stampa del neo allenatore del Milan sembrano ricalcare quelle dello scorso anno ai tempi di Pippo Inzaghi. Difendere l’indifendibile, ecco il motto a Milanello. Quanti rimpianti per Mihajlovic: anche con il serbo la squadra giocava male, ma almeno non c’era nessuno disposto a giustificarla.

Calcio - Serie A

Crolla il Milan di Brocchi, ora Berlusconi sarà contento

Ancora un passo falso dei rossoneri, stavolta però letale perché consente al Sassuolo il sorpasso al sesto posto che di fatto esclude il Milan dall’Europa, a meno di una clamorosa vittoria contro la Juve in Coppa Italia. E inizia a serpeggiare il dubbio che la scelta a Milanello sia voluta.

Calcio - Serie A

Milan, l'idea di Boban: «Maldini subito in società»

L’ex fantasista croato ha espresso tutto il suo malcontento per la piega presa dagli eventi in casa Milan. Berlusconi è il primo colpevole per non aver capito che il suo ciclo stava finendo, così come Galliani che paga per l’addio di Braida. E in mezzo c’è Brocchi, la cui unica colpa è non essersi reso conto che questa era un’impresa più grande di lui.

Calcio - Serie A

Milan: addio all’Europa, ma Brocchi è soddisfatto

La disarmante serenità con cui il neo allenatore ha accettato l’ennesima umiliazione stagionale, subita da un Frosinone con un piede e mezzo in serie B, la dice tutta sullo stato confusionale che regna a Milanello nelle ultime settimane. E intanto il Sassuolo ha raggiunto il sesto posto e l’Europa è sempre più lontana.