6 aprile 2020
Aggiornato 08:30
Casa

Come scegliere tra le asciugatrici in offerta quella che fa davvero al caso tuo

Quando scegli le asciugatrici in offerta, devi sapere che ci sono numerosi modelli che propongono funzioni differenti, da valutare in base alle tue esigenze

Come scegliere tra le asciugatrici in offerta quella che fa davvero al caso tuo
Come scegliere tra le asciugatrici in offerta quella che fa davvero al caso tuo Optimamente

Se non hai la possibilità di stendere il bucato in casa, magari perché hai poco spazio a disposizione e non possiedi un balcone, non hai molte alternative all'acquisto di un'asciugatrice. Quando scegli le asciugatrici in offerta, devi sapere che ci sono numerosi modelli che propongono funzioni differenti, da valutare in base alle tue esigenze. Tieni presente che un'asciugatrice è fondamentale specialmente per un nucleo familiare numeroso, dal momento che garantisce una capacità più che considerevole. Nulla vieta di collocarla sopra la lavatrice, in modo da risparmiare spazio, anche perché in commercio puoi trovare dei kit per la sovrapposizione progettati ad hoc per questo scopo. Mentre un'asciugatrice in media ha una capacità compresa tra i 7 e i 9 chili, una lavasciuga di solito oscilla tra i 4 e i 7 chili, e proprio per questo è raccomandata soprattutto per le coppie e per i single.

Come funziona un'asciugatrice

Tra le asciugatrici in offerta puoi trovare modelli a gas, modelli a pompa di calore e modelli a resistenza. Questi ultimi, a volte indicati anche come asciugatrici a condensazione, combinano il funzionamento di una resistenza elettrica con quello di una ventola, grazie alla quale il calore viene distribuito in modo omogeneo nel cesto. In un modello a pompa di calore, invece, il bucato viene asciugato con un compressore a gas refrigerante paragonabile a quello di un condizionatore. L'umidità che viene estratta dai panni è condensata dal calore generato e poi indirizzata all'interno di una vaschetta, la quale deve essere svuotata al termine di ciascun ciclo. Sia le asciugatrici a condensazione che quelle a pompa di calore sono elettriche, ma - come detto - in commercio si possono trovare anche modelli a gas.

Guida all'acquisto

L'aspetto economico non può certo essere sottovalutato quando si passano in rassegna le asciugatrici in offerta: non si tratta solo di pensare al prezzo iniziale, ma di tenere conto anche dei consumi e, quindi, dei costi energetici. L'energy label, cioè l'etichetta europea, fornisce informazioni utili da questo punto di vista, in quanto segnala il consumo energetico che viene indicato in kWh annui. Per le asciugatrici il valore specificato fa riferimento a 160 cicli e ipotizza il ricorso al programma cotone standard.

I sistemi di evacuazione

Le asciugatrici si distinguono anche in base al sistema di evacuazione, e cioè al modo in cui l'acqua che il movimento e il calore estraggono dai tessuti viene espulsa: ci sono, infatti, il sistema a espulsione e il sistema a condensazione.

L'evacuazione a espulsione e quella a condensazione

I dispositivi che sfruttano il sistema a espulsione, a dir la verità, risultano abbastanza obsoleti. L'acqua residua, in questi casi, viene eliminata sotto forma di vapore tramite un tubo di scarico, che deve essere collegato a un bocchettone esterno. In un sistema a condensazione, invece, l'umidità residua si raccoglie all'interno di un contenitore estraibile: quest'acqua, per altro, è distillata, cioè priva di calcare, e quindi può essere utilizzata per il serbatoio del ferro da stiro o per innaffiare alcune piante. Il sistema di evacuazione a condensazione è presente in tutte le asciugatrici a pompa di calore.

La gestione degli spazi

Le asciugatrici, proprio come le lavatrici, possono presentare la carica frontale o la carica dall'alto. Ci sono in vendita numerosi modelli slim, che permettono di ottimizzare gli ingombri grazie alla loro profondità, che in genere non supera i 60 centimetri, e alla loro larghezza, che a sua volta difficilmente va oltre i 59 centimetri. In qualsiasi caso, è importante ricordare che questo elettrodomestico deve essere posizionato in un locale areato, poiché in mancanza di un ricambio di aria appropriato si potrebbe surriscaldare e, quindi, smettere di funzionare o comunque guastarsi.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal