30 ottobre 2020
Aggiornato 06:00
Sudafrica

Bimba smette la terapia per Hiv e il virus non torna. Terzo caso al mondo

La bimba è stata contagiata dalla mamma al momento del parto ed è stata quindi messa in terapia antiretrovirale a nove settimane per 10 mesi, quando si era avuta la soppressione virale.

PARIGI - Una bambina sudafricana è diventata il terzo caso al mondo di minore a sconfiggere il virus dell'Aids dopo una cura di 10 mesi nel primo anno di vita. La bambina, che si trova in una fase di remissione di lungo termine, non ha più preso farmaci per i successivi nove anni.
Secondo il trial, i cui risultati sono stati annunciati nel corso di un convegno sull'Aids in corso a Parigi, il cocktail di farmaci anti-retrovirali è stato somministrato per una durata di 10 mesi soltanto nel primo anno di vita della bambina.

 Dal termine della cura il virus risulta inattivo e la bambina risulta in ottima salute senza aver assunto farmaci di alcun tipo dopo i 10 mesi di trial, secondo il team di ricerca che ha presentato i risultati alla conferenza della International AIDS Society.
«Questo nuovo caso rafforza le nostre speranze che il trattamento dei bambini affetti da Hiv per un breve periodo all'inizio dell'infanzia, possa superare l'ostacolo di una terapia che duri tutta la vita», ha dichiarato l'esperto di Aids Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di malattia infettive che ha finanziato lo studio.
A differenza delle cure tradizionali in cui il virus viene debellato, in questo caso il paziente continua ad avere il virus dell'Hiv nel suo sistema, ma ha una carica virale così debole da non potersi replicare o diffondere attraverso rapporti sessuali.

I ricercatori auspicano che il trattamento precoce dei contagiati possa consentire una remissione senza farmaci. Il virus dell'Hiv, infatti, ha l'abilità di nascondersi nelle cellule umane, di sembrare scomparso per diversi anni e di essere capace di riemergere dopo anni alla fine del trattamento. Gli anti-retrovireali, che inibiscono il virus, non lo uccidono e le persone infette sono costrette ad assumere farmaci ogni giorno per tutta la vita, con effetti collaterali di vario tipo.
Un piccolo gruppo di persone che hanno contratto il virus dell'Aids, meno dell'1%, sono capaci autonomamente di fermare la replicazione e sono noti come «l'elite dei controllori», ma non è noto quale sia il meccanismo che lo consente.

La bambina, hanno sottolineato i ricercatori, non fa parte di questo gruppo di elite. Tra coloro che hanno assunto i farmaci anti-retrovirali per un lasso di tempo limitato pochi hanno potuto interrompere definitivamente le cure senza la recrudescenza del virus, tra questi 14 adulti che hanno partecipato a un trial medico francese durato tre anni.
I ricercatori hanno ammesso di non sapere perché la bambina sudafricana sia l'unica tra 410 casi curati nella stessa maniera, ad aver raggiunto la remissione per un periodo così lungo. La paziente era risultata positiva all'Aids al suo 32esimo giorno di vita.