19 settembre 2018
Aggiornato 21:00

Pirro: «Ferrari-Mercedes? Decideranno i dettagli»

Il Mondiale arriva alla tappa di Monza con una situazione «in evoluzione, uno spettacolo bello e interessante con un'incertezza che si tramanda di gara in gara, nonostante i piccoli miglioramenti dei due avversari». Emanuele, ex pilota e oggi commissario, prevede una corsa tutta da seguire

MONZA – L'ex pilota di F1 Emanuele Pirro, oggi uno dei commissari della direzione gara del Mondiale, prevede per il Gran Premio d'Italia a Monza un andamento impronosticabile e dunque più emozionante che mai: «Quest'anno la Formula ci sta offrendo uno spettacolo bello e interessante, con un'incertezza che si tramanda di Gran Premio in Gran Premio, nonostante i piccoli miglioramenti che i due grandi avversari Mercedes e Ferrari compiono – spiega ai microfoni del Diario Motori – Quindi si arriva a Monza con un campionato più incerto che mai. Storicamente questa gara si è sempre disputata a settembre, ma mancavano meno appuntamenti alla fine della stagione e spesso il Mondiale era già deciso. Stavolta non c'è un solo motivo per non assistere a questa gara splendida».

Difficile fare previsioni
Quella che sulla carta doveva essere una gara favorevole alle Frecce d'argento potrebbe dunque rivelarsi più combattuta del previsto, almeno stando a quello che la Rossa ha dimostrato domenica scorsa a Spa: «La situazione è in evoluzione – conferma Pirro – Purtroppo nella F1 di adesso, quando ti manca un pelo, è difficile metterci una pezza, sia con le strategie che con la guida. Però stanno là: ormai sono passate molte gare e una volta prevale una squadra, una volta l'altra. Il campionato si deciderà probabilmente sui dettagli e più sui GP negativi che su quelli positivi. Comunque vada, lo sport è bello quando c'è incertezza: a nessuno piace un evento sportivo quando si conosce il vincitore già prima della partenza. Quindi speriamo che rimanga così fino al penultimo Gran Premio. Visto che all'ultimo farò il commissario, come qui a Monza, quindi spero che sarà tutto deciso...».