19 agosto 2018
Aggiornato 10:00

Il Tas riammette il Milan in Europa

La notizia tanto attesa dal popolo rossonero è arrivata con i crismi dell’ufficialità dopo le tante indiscrezioni
Il Milan e la Uefa: il Tas di Losanna ha fatto chiarezza
Il Milan e la Uefa: il Tas di Losanna ha fatto chiarezza (ANSA)

LOSANNA - Trepidazione, attesa, paura e speranza: quanti sentimenti nella mattinata dei tifosi del Milan che attendevano la notizia riguardante il ricorso al Tas di Losanna dopo la sentenza Uefa che meno di un mese fa aveva escluso il club rossonero dalla partecipazione alle prossime coppe europee. Notizia giunta poco dopo le ore 12 ed ufficializzata: il Milan è riammesso in Europa, col Tas che ha dunque annullato la precedente decisione della Uefa, riconsegnando di fatto alla squadra di Gattuso il frutto del sesto posto conquistato nello scorso campionato e dando ragione al ricorso rossonero dopo l’uscita di scena di Yonghong Li e l’avvento del fondo Elliott a capo della società.

Motivazioni

In attesa del comunicato ufficiale che fornirà le motivazioni e che rimanderà il Milan alla Uefa per sanzioni proporzionate, filtrano indiscrezioni  (fonte Sky) secondo le quali sarebbe stata decisiva per la riammissione la presenza a Losanna dei rappresentati di Elliott, di Frank Tuil in particolare, che si sarebbero impegnati in prima persona per garantire quella continuità aziendale in medio-lungo periodo, impossibile da reperire con la precedente cordata cinese. Il Milan fa così festa, potrà giocare la prossima Coppa Uefa, affrontare con maggior fiducia il calciomercato e difendendo l’immagine di club blasonato, storico e serio che le ultime vicende avevano offuscato.