18 ottobre 2019
Aggiornato 05:30

Ducati ancora seconda grazie alla rimonta di Davies

Il weekend americano delle derivate di serie si chiude con un doppio podio del gallese: «Possiamo esserne contenti». Ma la vittoria continua a sfuggire

Chaz Davies sul podio di gara-2 della Superbike a Laguna Seca
Chaz Davies sul podio di gara-2 della Superbike a Laguna Seca Ducati

LE CASTELLET – Il team Ducati è salito nuovamente sul podio in gara-2 a Laguna Seca (Stati Uniti), teatro dell’ottavo appuntamento del campionato mondiale Superbike, con un altro secondo posto ottenuto da Chaz Davies alle spalle della Kawasaki vincente di Jonathan Rea. Il gallese è scattato bene dalla terza fila, recuperando subito posizioni. Dopo alcuni momenti concitati nelle fasi iniziali, dovuti anche alla natura del tracciato che rende particolarmente difficili i sorpassi, Davies è riuscito a trovare il proprio ritmo e risalire la classifica per poi bissare il risultato di gara-1. «In generale possiamo sicuramente essere contenti per com'è andato questo appuntamento – commenta Chaz – L'obiettivo resta la vittoria, ma fa comunque piacere essere tornati a lottare al vertice. Credo che abbiamo ottenuto il massimo, sia da me che dal pacchetto. Siamo tornati in forma dopo un paio di round difficili e non siamo troppo lontani dai nostri rivali principali. Oggi sono partito bene ma, ad essere sinceri, l'anteriore non mi dava molta fiducia nei primi giri anche se non stavo spingendo al limite. Poi le cose sono tornate alla normalità, ho trovato il mio ritmo e recuperato fino alla seconda posizione. Abbiamo fatto grandi passi avanti nelle aree dove avevamo sofferto negli ultimi due round, quindi dobbiamo solo rimetterci al lavoro per Misano e cercare di sistemare gli ultimi dettagli».

Melandri a terra
Marco Melandri, partito dalla prima fila, ha invece accusato qualche problema in più ed è scivolato alla curva 5 nel corso del quarto giro nel tentativo di restare attaccato al gruppo di testa, quando si trovava in quarta posizione. «Purtroppo, quando cala l'aderenza a causa delle temperature alte, la moto diventa difficile da gestire se la pista è un po’ rovinata – spiega Macio – Oggi perdevo molto tempo in uscita di curva e, per cercare di recuperare, ero costretto a forzare un po’ di più in frenata. Laguna Seca è particolarmente esigente sull’anteriore, anche se non mi aspettavo di poterlo perdere proprio in quella curva. Peccato, perché siamo partiti molto bene al venerdì ma col cambiare delle condizioni abbiamo faticato. Guardiamo avanti per rifarci a Misano, dove abbiamo ottenuto la prima vittoria lo scorso anno e sappiamo di poter essere competitivi». Il team Ducati tornerà in pista a Misano (Italia) dal 6 all’8 giugno per il nono appuntamento della stagione. «Come sempre, Laguna Seca ha dato vita a gare entusiasmanti – conclude il team manager Serafino Foti – Chaz e tutta la squadra hanno fatto il massimo, portando a casa il miglior risultato possibile, un doppio podio che ci lascia ben sperare per le prossime gare. Ci dispiace per Marco, speravamo in un risultato migliore dopo la bella rimonta di ieri ma purtroppo la sua gara è finita in anticipo quando era in piena lotta per il podio. Non ci resta che lavorare duramente e prepararci al meglio per la prossima gara di Misano».