20 ottobre 2019
Aggiornato 18:30

Ducati inizia bene negli Stati Uniti: Melandri vicino alla vetta

Macio porta la Panigale R al secondo posto nelle prove libere del venerdì, a poco più di tre decimi dalla Kawasaki di Jonathan Rea in vetta. Chaz Davies sesto

Marco Melandri in sella alla Ducati nelle prove libere della Superbike a Laguna Seca
Marco Melandri in sella alla Ducati nelle prove libere della Superbike a Laguna Seca Ducati

LAGUNA SECA – Il team Ducati ha iniziato positivamente l’ottavo appuntamento del campionato mondiale Superbike, in scena a Laguna Seca (Stati Uniti), archiviando le prove libere del venerdì con Marco Melandri e Chaz Davies rispettivamente in seconda e sesta posizione. Melandri è stato protagonista di un ottimo inizio ed ha stazionato stabilmente nelle prime posizioni della classifica dei tempi, fermando il cronometro su 1:23.458, a soli 354 millesimi dalla Kawasaki di Jonathan Rea in vetta, e trovando buoni riscontri anche dal punto di vista del passo di gara. «In generale è stata una giornata positiva per me e per la squadra – commenta Macio – Abbiamo avuto qualche difficoltà nella seconda sessione di prove libere mentre stavamo valutando diverse opzioni di pneumatici, ed ho avuto un leggero movimento in entrata al Cavatappi che ha causato una scivolata senza conseguenze, ma nella terza abbiamo subito ritrovato il feeling. Al momento Rea è un po' più veloce, ma il nostro passo è buono e possiamo per lo meno lottare per il podio. In ogni caso proveremo a migliorare ancora nel quarto e ultimo turno e poi dovremo essere veloci in Superpole perché qui non è facile sorpassare. Comunque la gara è sempre una storia a sé».

Passo promettente
Davies ha invece migliorato progressivamente, togliendo circa quattro decimi ai propri riferimenti nell’arco della giornata per chiudere in 1:23.635, con un ritmo molto simile a quello del compagno di squadra. «Tutto sommato siamo partiti con il piede giusto – dichiara il gallese – Ho faticato un po' durante la prima sessione di prove, poi abbiamo fatto alcune modifiche e ci siamo progressivamente avvicinati alla vetta. Penso che abbiamo fatto dei buoni progressi tra le varie sessioni. Sfortunatamente siamo stati costretti a chiudere il terzo turno in leggero anticipo a causa di un problema tecnico. Probabilmente avrei potuto limare ulteriormente il tempo sul giro, ma in generale sono piuttosto contento della direzione imboccata. La priorità domani sarà innanzitutto fare una buona Superpole, poi vedremo come giocare le nostre carte. Speriamo di continuare a migliorarci». La Superbike tornerà in pista sabato 23 giugno alle ore 9 locali per la quarta ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e gara-1, con partenza fissata per le ore 14 (23 italiane).