17 novembre 2019
Aggiornato 20:30

Milan-Zaza: pista calda

I rossoneri cercano un centravanti e i sondaggi di Fassone e Mirabelli proseguono in tutta Europa

Simone Zaza, attaccante italiano del Valencia
Simone Zaza, attaccante italiano del Valencia ANSA

MILANO - Dopo un’annata in cui il solo Cutrone ha mostrato numeri da centravanti laureandosi capocannoniere della squadra, il Milan è alla ricerca di un bomber, di una punta in grado di segnare con regolarità e portare punti preziosi alla formazione di Gennaro Gattuso. Molto dipenderà dalla decisione dell’Uefa di escludere o meno i rossoneri dalle coppe per la prossima stagione, perché qualora il Milan disputasse la Coppa Uefa il nuovo centravanti sarà di altissimo livello (con Morata in pole position), mentre qualora arrivasse l’estromissione dall’Europa, la dirigenza milanista virerà su un profilo leggermente inferiore che garantisca però un numero minimo di gol che possa tranquillizzare Gattuso, alle prese con il mancato ambientamento di André Silva nel campionato italiano e la goffaggine di Kalinic. Al Milan servirà altro, al Milan servirà carattere, potenza e costanza sotto rete, altrimenti puntare alle prime quattro posizioni della serie A continuerà ad essere un miraggio.

Vecchia nuova idea

Al di là del bomber di grido che i tifosi sognano, un nome che dalle parti di Milanello convince e circola con insistenza è quello di Simone Zaza, in procinto di lasciare Valencia e con la volontà (neanche particolarmente celata) di tornare in Italia. L’ex attaccante di Ascoli e Juventus piace molto al Torino, ma è evidente come un’eventuale chiamata del Milan lo farebbe propendere verso i colori rossoneri che peraltro sono quelli per cui tifava da bambino. Tornato al gol anche in Nazionale nell’amichevole di Torino contro l’Olanda, Zaza è un profilo che piace a Gattuso, è una punta rapida ma forte fisicamente, molto duttile e con spiccate doti di sacrificio, espressamente richieste dal tecnico calabrese, stufo di vedere i suoi attaccanti passeggiare per il campo quando i rossoneri non sono in possesso di palla. L’arrivo di Zaza non escluderebbe quello di un centravanti di maggior spessore, ma aumenterebbe i ricambi nella prima linea milanista, soprattutto qualora il Milan venisse «riammesso» in coppa, elemento probabilmente imprescindibile per impostare una campagna acquisti di rilievo.