15 ottobre 2019
Aggiornato 23:30

Ducati è la favorita nel weekend di casa a Imola

Si presenta da leader della classifica l'alfiere della Kawasaki Rea. Ma stavolta è Davies il pilota da battere, dall'alto delle sue quattro vittorie consecutive

IMOLA – Il campionato mondiale Superbike fa tappa in Italia, ad Imola, dove dall’11 al 13 maggio 2018 i piloti di tutte le classi scenderanno in pista per il quinto appuntamento stagionale. A questo appuntamento il leader della classifica piloti Jonathan Rea su Kawasaki, si presenta con un vantaggio di 30 punti sul pilota Ducati Chaz Davies. Quest’ultimo però ha le statistiche a suo favore visto che sul circuito romagnolo ha vinto le ultime quattro gare disputate precedendo sempre sul traguardo il campione del mondo in carica. Interessante sarà anche la battaglia nella Supersport con i piloti Yamaha Lucas Mahias, Randy Krummenacher e Sandro Cortese tutti racchiusi in una manciata di punti di distacco.

La pista
L'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, conosciuto anche come Autodromo di Imola, è intitolato a Enzo Ferrari, fondatore dell'omonima casa automobilistica, e al figlio Dino. Quello di Imola, nella configurazione prevista per le gare motociclistiche, è un circuito di 4936 metri con 9 curve a destra e 13 a sinistra in cui si corre in senso antiorario. La larghezza della pista va da un massimo di 15 metri a un minimo di 10 metri con una pendenza massima in discesa al tratto compreso tra le curve Piratella e Acque Minerali del 9,10% e una pendenza massima in salita nel tratto compreso tra le curve Acque minerali e Variante Alta del 9,38%. Il raggio delle curve varia da un minimo di 11 metri ad un massimo di 94, il rettilineo d’arrivo ha una lunghezza di 350 metri e chi parte dalla pole position prende il via sulla sinistra. Il circuito e le sue strutture sono state riqualificate e rese più moderne negli ultimi anni con un lavoro di ristrutturazione curato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke, specializzato nella realizzazione di circuiti. Nell’estate 2009 è stata realizzata la Nuova Variante Bassa, necessaria per rispondere ai requisiti omologativi richiesti dalla Federazione Motociclistica Internazionale. Tale intervento, atto a neutralizzare la lieve piega a destra caratteristica del tracciato per le auto, si colloca di fronte alla corsia dei box. Nell’agosto 2011 infine il circuito è stato oggetto del lavoro di riasfaltatura del manto stradale, che ha riguardato il 70% del tracciato.

Rossa a domicilio
Il team Ducati è pronto a tornare in azione ad Imola, teatro del quinto round del campionato mondiale Superbike e gara di casa, vista la vicinanza a Borgo Panigale e la consueta presenza di numerosi tifosi ducatisti. Il tracciato intitolato ad Enzo e Dino Ferrari evoca dolci ricordi per la squadra, che nelle ultime due stagioni ha raccolto altrettante doppiette con Chaz Davies, e l'obiettivo dichiarato è quello di mantenere aperta la striscia positiva di risultati. Davies, secondo in campionato con 129 punti, può vantare sei podi (con quattro vittorie) all'attivo ad Imola ed è quanto mai determinato a confermare la propria competitività ed avvicinarsi alla vetta, dalla quale attualmente lo separano 30 punti. «Imola è un posto speciale per me – ammette il gallese – Siamo stati particolarmente competitivi lì nelle ultime stagioni, andando anche oltre le nostre stesse aspettative, ed è semplicemente una pista dove siamo stati in grado di trovare un buon ritmo fin da subito. Il circuito in sé ha alcune staccate che favoriscono il mio stile di guida, ed essere circondati dalla gente e dai fan di Ducati, che hanno così tanta passione, dà sempre una motivazione in più. Ma nelle corse non si può dare nulla per scontato, quindi dobbiamo lavorare a testa bassa e prepararci ad una battaglia, come sempre». Marco Melandri, che lo scorso anno ha centrato il primo podio ad Imola in Sbk, vuole invece riscrivere ulteriormente le statistiche personali alla luce anche dei passi avanti fatti nei test a Brno due settimane fa, per accorciare la classifica dove attualmente è terzo con 115 punti. «Sento di arrivare a Imola nel momento giusto, sono molto emozionato ma allo stesso tempo concentrato e pieno di energie – commenta Macio – Non ho ancora vinto lì in Superbike, ma ogni anno è una storia a sé e sono convinto che potremo essere protagonisti. Gli ultimi test mi hanno dato molta fiducia, abbiamo fatto un grande passo avanti e capito che cosa ci limitava. Sono più determinato che mai a tornare a giocarmi la vittoria. Tutto è ancora possibile ma non bisogna sprecare le occasioni. Sarà una gara da non perdere!».

Il giovane padrone di casa
A completare il tridente d'attacco, l'esordiente Michael Ruben Rinaldi è desideroso di continuare il proprio percorso di crescita con lo Junior Team in un circuito a lui congeniale, dove ha già trionfato lo scorso anno nella categoria Superstock 1000: «Arriviamo ad Imola con due gare di esperienza in più, in forma e desiderosi di continuare a crescere. I test a Brno hanno rappresentato un'altra occasione per adattarsi meglio alla moto, e personalmente la pista di Imola mi piace veramente tanto. Sono convinto che possiamo fare molto bene e puntare alle prime cinque posizioni, un obiettivo non scontato né facile, ma possibile. Guardando ai risultati recenti, la Panigale R può andare molto forte ad Imola. Non resta che scendere in pista e scoprire il nostro livello». Il Mondiale Superbike tornerà in pista venerdì 11 maggio alle 9:45 per la prima sessione di prove libere.