27 novembre 2021
Aggiornato 13:30
Calcio

Ibrahimovic-Manchester United addio: pronta una nuova destinazione

Lo svedese è tornato dal grave infortunio al ginocchio ed è stato subito rilanciato da Mourinho, ma nel futuro dell’ex fuoriclasse milanista c’è una nuova avventura lontano dall’Inghilterra

MANCHESTER - Zlatan Ibrahimovic ha sorpreso tutti come al solito, recuperando in tempi record dal serio infortunio al ginocchio occorsogli ad aprile scorso durante i quarti di finale di Coppa Uefa tra Manchester United ed Anderlecht. Il ko aveva fatto temere addirittura per la carriera del campione svedese, ormai arrivato alle 36 primavere, che però un mese dopo era già sul campo a saltellare assieme ai compagni di squadra dopo il successo nella finale contro l’Ajax, segnale che di ritirarsi non ne aveva neanche la minima idea e che il ritorno in campo sarebbe stato assai più breve dei 10 mesi previsti prima dell’intervento chirurgico.

Futuro

Ed in effetti di mesi ne sono passati all’incirca 7, Ibrahimovic è tornato in campo a novembre e qualcuno ha anche azzardato l’ipotesi che possa «ricandidarsi» per un ruolo in Nazionale a giugno dopo la qualificazione della Svezia a Russia 2018. Idea suggestiva ma poco probabile, mentre molte più possibilità esistono circa un addio dell’attaccante scandinavo al Manchester United a fine stagione, quando il suo contratto coi Red Devils scadrà e quasi certamente non sarà rinnovato, sia per volontà del club inglese che per volontà dell’ex milanista, ormai convinto ad accettare l’offerta americana, sbarcare negli Stati Uniti e dire sì al corteggiamento dei Los Angeles Galaxy che fanno la corte ad Ibrahimovic da almeno due anni. L’entourage dello svedese ha già preso contatti con la società statunitense e, con ogni probabilità, dopo aver definito la durata del contratto e gli aspetti economici, il fuoriclasse scandinavo dirà addio all’Europa affrontando l’avventura oltreoceano, l’ultima di una carriera splendida ed irripetibile.