20 ottobre 2019
Aggiornato 04:30

Leclerc settebellezze: vince pure l'ultima in F2. E ora la F1!

Settimo successo per il monegasco campione della cadetteria, ora definitivamente pronto al passaggio nel Mondiale. L'italiana Prema raggiunge quota 8, ma manca il titolo a squadre

ABU DHABI – Domenica di sensazioni contrastanti per il team Prema nell’appuntamento conclusivo del campionato di Formula 2 2017 sul tracciato di Yas Marina. La pista di Abu Dhabi ha visto la compagine vicentina conquistare una nuova vittoria, l’ottava stagionale, maturata grazie ad un sensazionale recupero di Charles Leclerc. Negli Emirati, il monegasco ha completato al meglio una stagione straordinaria. portacolori della Ferrari Driver Academy, Leclerc ha rimontato fino al secondo posto prima di effettuare un sorpasso eccezionale per la leadership nel corso dell’ultimo giro, portando a sette il numero dei suoi successi. «È una bellissima sensazione quella di vincere l’ultima gara dell’anno e chiudere il campionato al massimo – dichiara il campione in carica – In termini di gestione delle gomme eravamo molto competitivi oggi, e globalmente questa è stata una delle corse più positive per me quest’anno. Sono ancor più contento pensando che venerdì eravamo un po’ in difficoltà. Abbiamo fatto grandi passi avanti durante il fine settimana e questo è il risultato. Riguardo l’ultimo giro, per diversi passaggi c’è stata una bandiera gialla senza senso che ci ha impedito di usare l'ala posteriore mobile. Sapevo di avere gomme in condizioni molto migliori e, in curva 7, molti andavano larghi così ho tentato il sorpasso. Alex ha chiuso, ma era troppo tardi per rinunciare e ci siamo toccati. Siamo andati al limite ma sono riuscito a passarlo prima di curva 8...».

Sfuma il campionato team
Sfortunatamente, l’affermazione in gara-2 non è stata sufficiente per regalare a Prema il titolo a squadre, che alla vigilia era l’obiettivo principale della trasferta mediorientale. Entrambe le vetture si sono comunque comportate al meglio sia in termini di prestazioni sia quanto a gestione delle gomme. Dopo la penalità rimediata ieri per un’infrazione tecnica, Antonio Fuoco si è fatto largo nel traffico partendo dal fondo, e chiudendo non lontano dalla zona punti. «Sapevamo già che sarebbe stato molto difficile recuperare su una pista dove non è semplice sorpassare – spiega il giovane italiano – Forse nei primi giri non ho rischiato abbastanza, però poi il ritmo era molto buono e fino alla fine abbiamo cercato di lottare per la zona punti. Purtroppo abbiamo perso il campionato a squadre, che era il nostro obiettivo di questo weekend. Credo che non ci sia niente di positivo in questo fine settimana e mi dispiace per la squadra, che ha dato veramente il massimo fino alla fine». Per tutta la squadra il bilancio della stagione rimane comunque estremamente positivo, con il secondo titolo piloti in due anni di partecipazione alla serie, e con anche le otto pole position centrate da Leclerc nel suo spettacolare percorso 2017. La scuderia vicentina guarda già con fiducia al 2018, e sarà in pista a giorni nei test collettivi di Yas Marina con la coppia di piloti scelta per la prossima stagione.