22 ottobre 2019
Aggiornato 16:00

Fuoco: «Che onore vestire i colori Ferrari in Italia»

Il pilota della Prema nella serie cadetta, e allievo della Driver Academy di Maranello, sente la responsabilità di ottenere un buon risultato nel suo appuntamento di casa: «Un feeling speciale». Ma il giovane cosentino non si dice soddisfatto delle sue prestazioni nella prima parte di stagione

MONZA – Anche Antonio Fuoco è carico alla vigilia del suo weekend di gara di casa: il pilota cosentino di Formula 2, portacolori del team vicentino Prema ma anche allievo della Ferrari Driver Academy, ha dimostrato una buona crescita negli ultimi appuntamenti dopo un inizio di stagione balbettante. «La gara di casa per me, come per tutti, ha sempre un feeling abbastanza speciale – ha raccontato al Diario Motori a margine della partita della nazionale piloti che ha aperto il weekend di gara – Credo sia un momento positivo della mia stagione, visto come è andata l'ultima gara, quindi arrivare qui a Monza sapendo di poter contare su una grande macchina è una sfida. Spero di poter far bene in questo weekend, anche se le previsioni meteo non sembrano certo ottimali».

Bocciatura
Un sapore particolare, poi, difendere i colori rossi di Maranello, anche se soltanto come membro del vivaio: «Sicuramente è una responsabilità, ma anche un grandissimo onore. Cercheremo di dare il massimo e vedremo cosa ne uscirà fuori». Fuoco è invece piuttosto autocritico riguardo alle prestazioni che ha messo in campo finora nella serie cadetta: «Il mio voto? Cinque, non sono soddisfatto – conclude – Devo ottimizzare tutti i risultati: ho visto di avere un gran passo ma non sono riuscito ancora a mettere tutto insieme. Quindi nell'ultima parte della stagione dovrò cercare di farlo, dando il massimo, e sono sicuro che i risultati arriveranno».