21 novembre 2019
Aggiornato 06:00

Marini debutta con il team di suo fratello Valentino Rossi

Prime prove con i colori dello Sky Vr46 per il Maro, mentre il suo riconfermato compagno di squadra Pecco Bagnaia vola in seconda posizione a un solo decimo dal leader Oliveira

JEREZ DE LA FRONTERA – Debutto positivo per lo Sky Racing Team VR46 a Jerez de la Frontera che ha ospitato i primi test in vista della prossima stagione di Moto2 e Moto3. In pista, in sella alla sua Kalex, Francesco Bagnaia ha girato con il ritmo dei più veloci fermandosi a solo un decimo di distacco da Oliveira, capofila di giornata (1:41.518). Con il suo 1:41.622 (144 giri), Pecco è al secondo posto complessivo, soddisfatto del suo approccio con le nuove sospensioni. «Una due giorni di test molto positiva: ho lavorato sodo e abbiamo provato molte nuove soluzioni – commenta Pecco – Rispetto alla configurazione dello scorso anno, mi sento già molto più a mio agio alla guida e sono riuscito a girare davvero forte. Peccato per il mio ultimo tentativo, forse avrei potuto limare il mio crono di qualche decimo, ma ho avuto problemi con le gomme. Nel complesso, sono riuscito a tenere un passo costante e veloce. Ci aspettano ancora due giorni di lavoro a Valencia la prossima settimana: dobbiamo sfruttarli al meglio per poi goderci la pausa invernale». Al suo debutto con il team Luca Marini, settimo nella classifica combinata dei tempi, con un miglior giro di 1:42.115 (149 giri) e motivato a continuare il suo lavoro nei test della prossima settimana a Valencia. «Una nuova avventura iniziata molto bene: è stato un test positivo dove ho iniziato a conoscere il team e ad impostare il lavoro per la prossima stagione – spiega il fratello minore del proprietario della squadra, Valentino Rossi – In soli due giorni, abbiamo fatto dei buoni passi in avanti e, nonostante una lieve forma di influenza che mi ha debilitato, sono riuscito a girare al di sotto del mio personale su questa pista. Anche il passo è buono e sono soddisfatto dell'approccio con la nuova moto e il team. Dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa e rimanere concentrati già dai test della prossima settimana a Valencia. L'obiettivo è migliorare le prestazioni rispetto alla gara della scorsa settimana dove ho faticato ad essere competitivo».

Esordio anche in classe inferiore
Prima di tornare al Ricardo Tormo per l'ultima gara del campionato del mondo junior, esordio anche per Dennis Foggia in Moto3 con un positivo 1:46.809 e 119 giri all'attivo. Nicolò Bulega non ha preso parte alla sessione di test a causa delle conseguenze riportate dopo la caduta nelle prove libere del Gran Premio di Valencia. Da Madrid, dove la scorsa settimana è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per ridurre la frattura dell'astragalo destro, Nicolò rientrerà in Italia nelle prossime ore. «Sono contento del mio esordio con lo Sky Racing Team VR46: sono state due giornate di lavoro produttive in cui ho iniziato a conoscere i meccanici, i miei tecnici e tutto il team – racconta il fresco campione Cev – Abbiamo provato molte soluzioni in pista, alcune si sono rivelate molto utili, altre meno, ma nel complesso sono soddisfatto del mio debutto. Tra ieri e oggi sono riuscito a migliorarmi e sono riuscito ad abbattere il mio record personale su questo tracciato. Un buon inizio per proiettarci verso il 2018». Conclude il team manager Pablo Nieto: «Con questa due giorni di test, è iniziata ufficialmente la nuova stagione per il nostro team. In Moto2, siamo subito tornati al lavoro con impegno e motivazione. Pecco e Luca hanno fatto dei buoni tempi e dobbiamo rimanere concentrati per fare un ulteriore passo in avanti. In Moto3, abbiamo iniziato a conoscere Dennis: sono contento di vederlo esordire nel Mondiale e devo dire che, in soli due giorni, ha fatto un grande passo avanti riuscendo ad abbassare il suo record personale sul giro. Nicolò sta tornando in Italia in queste ore e non vediamo l'ora di rivederlo in pista».